Pubblicato il 19/06/20

RIUNIONE DECISIVA Oggi è in programma una riunione del World Motor Sport Council molto attesa, dalla quale dovrebbe uscire l'annuncio dell'inserimento di nuove gare europee nel calendario 2020 del Mondiale di F1. L'Italia è in prima fila, con l'aggiunta quasi certa di un secondo appuntamento dopo quello già previsto a Monza a inizio settembre. Ad aumentare l'attesa per l'esito della riunione ci ha pensato Dario Nardella, sindaco di Firenze. 

L'ANNUNCIO DI NARDELLA Il comune di Scarperia e San Piero, sul quale sorge il Circuito del Mugello, fa parte della città metropolitana di Firenze. Nella città del Giglio c'è dunque fermento in vista del probabile inserimento del circuito toscano tra i prossimi gran premi, nonostante la prospettiva di dover disputare la gara a porte chiuse, come recentemente ribadito da Ross Brawn. Nardella ha dichiarato: ''Penso che mai siamo arrivati così vicino alla possibilità di avere la Formula 1 a Firenze e all'autodromo del Mugello. Incrociamo le dita perché è praticamente certo che quest'anno un secondo Gran Premio di Formula 1 si svolga in Italia, e quindi ce la possiamo giocare per la prima volta per un evento che sarebbe storico, rimarrebbe negli annali dello sport mondiale dell'automobilismo ma anche nella storia di Firenze''.

ARIA DI FESTA Recentemente, il GP Italia 2020 di MotoGP in programma al Mugello è stato cancellato. Una rinuncia dolorosa che però ha aumentato le chance che l'autodromo di proprietà della Ferrari possa ospitare un gran premio. A giocare a favore del circuito toscano anche la possibilità di ospitare quello che sarà il millesimo gran premio del Cavallino Rampante in F1. Una grande festa, purtroppo senza i tifosi sugli spalti, ma da celebrare quantomeno sulla struttura di proprietà del team di Maranello.


TAGS: mugello f1 Nardella