Pubblicato il 02/07/20

CALDA ESTATE Il mondiale F1 2020 inizia insolitamente nel weekend del 5 luglio, in piena estate. Non proprio il massimo per le evolutissime e tecnologiche power unit che, sin dal loro debutto nel 2014, hanno mostrato di soffrire particolarmente le alte temperature. L’avanzamento della tecnologia ibrida ha poi decisamente smorzato la natura del problema, ma non sono mancate in passato situazioni al limite come quelle che hanno visto protagoniste proprio le Mercedes iridate tra le colline della Stiria…

F1 2020, la nuova livrea total black della Mercedes W11

AFA AUSTRIACA Proprio al Red Bull Ring, infatti, negli ultimi due anni la Formula 1 ha corso in giornate afose e molto umide. Una situazione che ha costretto la Mercedes al clamoroso doppio ritiro del campionato 2018 e che non ha aiutato le prestazioni della W10 neppure nello scorso campionato. In entrambi i casi, a imporsi è stata la Red Bull con un Max Verstappen velocissimo e anche decisamente smaliziato nei sorpassi ai danni delle Ferrari di Kimi Raikkonen (2018) e Charles Leclerc (2019, con tanto di polemica all’ultimo giro e risultato sub-judice per alcune ore). Quest’anno a Spielberg le previsioni meteo, almeno nel prossimo weekend, non parlano di temperature asfissianti, ma non è solo per questo che la Mercedes non sembra temere il confronto con il termometro.

F1 2020, le nuove tute full black di Hamilton e Bottas (Mercedes)

FRECCE NERE Il fatto che Lewis Hamilton e Valtteri Bottas – nelle ultime ore abbiamo visto anche le nuove tute “total black” in supporto del movimento Black Lives Matter e della lotta a tutte le forme di discriminazione (foto sopra) – scenderanno in pista con due Mercedes W11 totalmente nere di certo potrebbe non essere d’aiuto per la questione temperature. La questione è antica quasi come i rimedi della nonna: mentre il bianco riflette tutte le radiazioni elettromagnetiche, il nero le assorbe incrementando dunque la temperatura.

F1 2020, la nuova livrea della Mercedes W11 di Hamilton

LE SOLUZIONI Il rimedio, non sarà però quello della nonna (e cioè l’utilizzo di vernici chiare al posto del nero), vista la valenza politica e sociale della nuova livrea. Gli uomini di Stoccarda sono tranquilli: l’alloggiamento della power unit è stato rivestito con fogli isolanti (solitamente si propende per l’oro o l’argento) in grado di schermare il calore dall’esterno, ma va considerato che anche il layout è stato rivisto proprio per ovviare al problema del surriscaldamento sofferto nelle passate stagioni. Infine, saranno utilizzate vernici con struttura molecolare peculiare, in grado di contenere l’accumulo di calore. Per ulteriori dettagli tecnici vi rimandiamo al relativo approfondimento dei colleghi di FUnoAnalisiTecnica.


TAGS: mercedes formula 1 f1 W11 Tecnica F1 GP Austria 2020 Mercedes livrea