Pubblicato il 08/04/21

IL FINALE DI UN ACCESA RIVALITA' La vicenda è nota: pochi giorni dopo il GP Abu Dhabi 2016, gara conclusiva di una stagione ricca di tensioni risoltasi con la conquista del titolo mondiale da parte di Nico Rosberg, la Mercedes si è improvvisamente trovata senza uno dei suoi due piloti. Il tedesco, infatti, dopo aver dato tutto fisicamente e mentalmente per avere la meglio su Lewis Hamilton nel terzo anno della loro incandescente contesa per la vittoria finale, ha improvvisamente deciso di appendere il casco al chiodo. Imitare il padre vincendo il Mondiale di F1, riuscendo a battere l'ex amico e ora acerrimo rivale, ha svuotato completamente il tedesco di energie e motivazioni. Una decisione a cui Nico stava già pensando da quando il titolo era ormai nelle sue mani, con un buon margine da gestire nelle ultime gare, ma che nessuno nel suo team si aspettava.

GP Spagna 2016, Barcellona: Mercedes, Lewis Hamilton vs Nico Rosberg

MOMENTO BIZZARRO A ricordare quei giorni è stato James Vowles, direttore strategico della Mercedes, nel corso di un'intervista al podcast ufficiale della F1, Beyond the Grid. Alla domanda se fosse stato sorpreso dal ritiro di Rosberg, Vowles ha risposto: ''Sì, perché Toto ci ha chiamato in ufficio e non sapevamo cosa aspettarci. Se lui avesse chiesto di elencare cinque motivi che potevo dire, il ritiro di Nico non sarebbe stato in quella lista. È stato un momento, come dire, bizzarro''.

MOTIVAZIONI PERSONALI Nonostante quanto scritto in apertura di articolo, all'interno della Mercedes il ritiro di Rosberg non era atteso né è stato compreso, nemmeno ad anni di distanza. Vowles ha aggiunto: ''Anche ora, è abbastanza difficile capire perché ha chiesto di sciogliere il suo contratto, perché anche se non avesse avuto intenzione di battere di nuovo Lewis era comunque su una buona macchina, avrebbe vinto delle gare e fatto parte di una squadra che stava facendo qualcosa di straordinario. Ma ci devono essere state alcune ragioni molto personali per questo e ovviamente aveva ottenuto ciò che voleva. Quindi sì, è stato un grande, grande shock''. La Mercedes decise quindi di sostituirlo ingaggiando dalla Williams il finlandese Valtteri Bottas: col senno di poi, la decisione di Rosberg ha semplificato la vita del team dominatore delle ultime stagioni, che ha continuato ad inallerare successi ma senza più vivere le tensioni della coesistenza tra il tedesco e Hamilton.


TAGS: mercedes f1 rosberg ritiro