Pubblicato il 25/03/2020 ore 12:05

REBUS McLAREN Dopo la decisione presa all'unanimità di rinviare al 2022 il debutto dei nuovi regolamenti previsti inizialmente per il prossimo anno, accordandosi al contempo per utilizzare nella stagione 2021 le attuali monoposto, molti si sono chiesti cosa ne sarebbe stato dell'annunciato passaggio della McLaren dai motori Renault a quelli Mercedes. I team, infatti, potranno lavorare solo sullo sviluppo delle parti aerodinamiche delle vetture presentate per questo campionato.

VIA LIBERA ALLE MODIFICHE L'elenco completo delle parti che verranno congelate non è ancora stato rivelato, ma la McLaren ha già ricevuto assicurazioni sul fatto che potrà effettuare le modifiche necessarie per montare una diversa power-unit nel 2021, come confermato dal team principal Andres Seidl: ''Le nuove norme non incidono sul nostro passaggio al motore Mercedes nel 2021 e ci sarà permesso di apportare le modifiche necessarie alla nostra monoposto per adattarla''. 

F1 Testinmg: Sebastian Vettel (Ferrari) e Lando Norris (McLaren)

PIENO SOSTEGNO Il numero 1 del team di Woking ha confermato il pieno sostegno della McLaren alla decisione presa dai team e dai vertici di F1 e FIA la scorsa settimana: ''I nuovi regolamenti presentano l'opportunità di offrire una nuova era entusiasmante per la F1. Tuttavia, non è possibile sfuggire alla gravità delle pressioni affrontate dallo sport in questo momento. Allo stesso modo in cui la decisione di introdurre i nuovi regolamenti era volta a migliorare la salute a lungo termine della Formula 1, la decisione di rimandarli è stata presa sulla stessa linea. Supportiamo il rinvio e abbiamo svolto un ruolo attivo nella conversazione in merito. Riconosciamo che è fondamentale proteggere la salute finanziaria di tutte le squadre garantendo allo stesso tempo condizioni di parità quando andremo a gareggiare''.

FRONTE CORONAVIRUS Intanto, buone notizie per i 16 membri della McLaren rimasti in isolamento in Australia. Dopo la positività al coronavirus riscontrata in un meccanico della McLaren alla viglia della gara di Melbourne, sono stati effettuati i test sui colleghi che avevano avuto contatti con il soggetto infetto. Tutti sono risultati negativi, ma si sono comunque sottoposti a 14 giorni di isolamento volontario. Ora, i primi di loro sono rientrati questa mattina in Gran Bretagna. Entro la fine della settimana ci si aspetta che tutti tornino in patria, nonostante le difficoltà legate alla forte riduzione dei voli. Lo stesso meccanico colpito dal Covid-19 sta bene e rientrerà assieme ai suoi colleghi.


TAGS: mclaren f1 motori Mercedes