Pubblicato il 03/06/21

INCUBO CITTADINO La F1 affronta il secondo gran premio cittadino consecutivo e dopo Monte Carlo sbarca a Baku, sede del GP Azerbaijan. Charles Leclerc, che con la mancata partenza nel recente GP Monaco ha proseguito la striscia negativa nella gara di casa, affronta un altro circuito che gli riporta alla memoria ricordi poco positivi. Nel 2019, infatti, buttò una probabile pole position andando a sbattere contro le barriere nello stretto passaggio di curva 8. Un incidente poi curiosamente replicato dal monegasco anche in una gara virtuale disputata durante il lockdown dello scorso anno.

BAKU DOLCEAMARA A differenza di Monte Carlo, Baku ha però regalato anche gioie a Leclerc, ad esempio con la vittoria e il secondo posto ottenuti in F2 nel 2017, a pochi giorni dalla scomparsa del padre. Oppure con l'eccellente sesto posto al volante dell'Alfa Romeo l'anno successivo, mentre nell'edizione già citata del 2019 chiuse poi quinto. La fatidica curva 8 si presenta quest'anno con un cordolo più dolce che dovrebbe permettere ai piloti di tagliare di più la traiettoria e di passare anche a una velocità maggiore. Leclerc ha commentato così la novità: ''Non credo che il cordolo sia stato il motivo del mio incidente, in realtà. Ho bloccato l'anteriore destra e sono andato a sbattere principalmente per questo. Non credo che sarebbe cambiato molto per me se ci fosse stato o meno il cordolo. Penso che ora sarà un po' più veloce lì, perché ovviamente la macchina salterà molto meno e sarà piuttosto bello, quindi non vedo l'ora che arrivi quel punto''.

F1, GP Azerbaijan 2021: Charles Leclerc in conferenza stampa

DIMENTICARE MONTE CARLO Archiviato il fantasma di curva 8, per Leclerc c'è da lasciarsi alle spalle anche il più fresco - e più doloroso - ricordo del GP Monaco, a cui non ha potuto partecipare per un guasto emerso durante il giro di ricognizione prima del via: ''Ci sono stati parecchi aspetti positivi a Monte Carlo - ha dichiarato il pilota della Ferrari - ma ovviamente non posso dimenticare la delusione di domenica, che è stato il momento più importante del weekend. Non mi ci è voluto così tanto per superarlo, il lunedì o il martedì l'avevo superato. È sempre molto difficile, ma guarderò avanti molto velocemente''.

RITORNO ALLA REALTA' Dopo l'exploit di Monte Carlo, dove la Ferrari oltre alla pole position ha ottenuto il secondo posto di Carlos Sainz, il GP Azerbaijan dovrebbe riportare il Cavallino Rampante un gradino sotto a Red Bull e Mercedes, riaccendendo la lotta con la McLaren per il terzo posto tra i Costruttori: ''C'è molta più velocità, molti più rettilinei, quindi sfortunatamente faremo più fatica e qui torneremo alla realtà penso - ha confermato Leclerc - In termini di competitività sarà molto più simile a quello che abbiamo visto prima di Monaco, che è stato un po' un una tantum''.


TAGS: ferrari monte carlo f1 baku leclerc