Pubblicato il 27/08/20

UNA COLLEZIONE SEMPRE PIU' RICCA Mentre si avvicina sempre di più al record di 91 vittorie in F1 attualmente detenuto da Michael Schumacher, Lewis Hamilton ammette di non avere una bacheca a casa dove tenere in bella mostra i tanti trofei collezionati nel corso della sua lunga e vittoriosa carriera. Per questo motivo, il britannico sta ora pensando di seguire l'esempio di altri campioni, come lo stesso Schumacher o Fernando Alonso, aprendo un museo a lui intitolato, attraverso il quale permettere ai suoi tifosi di ammirare le tante coppe e anche le monoposto che hanno caratterizzato la sua carriera.

TROFEI IN MAGAZZINO Intervistato dalla Bild, Hamilton ha spiegato: ''A casa ho solo due trofei. Uno dalla rivista GQ, che ho semplicemente messo sul mio tavolo quando sono tornato a casa dopo la cerimonia di premiazione, e uno dalla FIA. È buffo, ho vinto tutti questi trofei e nessuno di loro è a casa. Le coppe sono tutte immagazzinate. E quando dico così, non intendo che siano chiusi nelle scatole in un seminterrato. Sono in un luogo privato''.

F1: Lewis Hamilton con il premio ricevuto da GQ

L'IDEA DEL MUSEO Partendo da questa situazione, Hamilton ha spiegato la sua idea: ''Non guido per i trofei. Non guido per i record. Guido perché mi piace, sono così. Molti dei miei amici sono anche atleti e in realtà hanno tutti i loro trofei in bella mostra. Se veniste a casa mia, non pensereste che io abbia mai vinto una gara. Quello che vorrei fare è metterli tutti in mostra in un museo. I miei fan mi supportano in tutto ciò che faccio, così potrebbero vedere tutti i trofei. Entrare potrebbe costare una sterlina, che verrebbe poi donata in beneficenza, in modo che tutti ne trarrebbero vantaggio''.

LE MONOPOSTO COME RAZZI SPAZIALI Oltre ai trofei, Hamilton vorrebbe esporre anche le sue monoposto, a partire dai go-kart con cui ha iniziato a gareggiare: ''Sono i compagni più importanti del mio viaggio. Sono come razzi che vanno nello spazio e poi, quando tornano, vengono esposti in un museo. Associo ricordi speciali a tutte le mie auto del mondiale, è un rapporto molto personale che costruisci in una stagione. Sarebbe fantastico se potessero far parte del mio museo. A cominciare dai miei kart, e poi forse di seguito l'evoluzione di tutte le mie auto da corsa, come fanno al Mercedes Museum di Stoccarda''.

F1 GP Spagna 2020, Barcellona: Lewis Hamilton (Mercedes AMG F1)

PRECEDENZA ALLE CORSE Oltre a trofei e vetture, non possono mancare anche i caschi e le tute a completare la proposta del 'Museo Hamilton'. Un progetto che, però, non è nei programmi immediati del sei volte campione del mondo, il quale ha davanti almeno altre 3 stagioni di F1: ''Ho così tante idee. Sarà un grande progetto, dovrò vedere come realizzarlo. Al momento, tuttavia, questo non è in cima alle mie priorità''.


TAGS: museo f1 Hamilton