Haas non seguirà Grosjean in indy: "Non lo pagherò per ammazzarsi"
Formula 1

Indy, Gene Haas: "Non darò soldi a Grosjean perché si ammazzi"


Avatar di Simone Valtieri , il 26/02/21

9 mesi fa - Haas ha spiegato il motivo del mancato supporto economico a Grosjean

L'ex boss di Grosjean in F1, Gene Haas, ha spiegato con schiettezza il mancato supporto economico all'avventura del francese in Indy

INDYCAR NEL DESTINO Il futuro di Romain Grosjean in IndyCar era già scritto ancor prima ancora che il pilota transalpino fosse protagonista dello spettacolare e rischiosissimo incidente del Bahrain, tre mesi fa. Già allora era chiaro che l'avventura di Grosjean in Formula 1 fosse giunta al capolinea, e c'erano i preupposti affinché il suo boss Gene Haas lo sponsorizzasse anche in IndyCar, categoria oggi abbandonata dall'americano che è ancora impegnato in America nella Nascar. Le cose però sono cambiate dopo l'incidente di Sakhir, e a spiegarne il motivo è stato lo stesso Haas.

F1, GP Sakhir: Grosjean tutto preso da postare cose sui social F1, GP Sakhir: Grosjean tutto preso da postare cose sui social

VEDI ANCHE



CAMBIO IDEA ''Romain ci aveva chiesto se fossimo stati disposti a sponsorizzarlo in IndyCar, e penso che all'inizio fossi abbastanza aperto all'idea'' - ha spiegato il manager americano a Racer - ''Poi però, dopo quello che è accaduto in Bahrain ero talmente felice che non fosse ucciso. Dopo aver distrutto l'auto in quel modo, non sarei potuto essere più contento che fosse sopravvissuto''. L'incidente, però, ha fatto cambiare idea a Gene Haas. ''Non lo so... ha una moglie e tre figli, gli ho semplicemente detto che non avrei potuto dargli soldi per andare là fuori (in Indy) ad ammazzarsi. Mi sentivo di consigliargli di restare a casa e prendersi cura della sua famiglia, d'altra parte si è già giocato il bonus... se avete capito bene cos'è successo lì, bastava un grado di impatto diverso, in un senso o nell'altro, e non sarebbee riuscito a uscirne vivo. È stato molto fortunato''.

F1, GP Bahrain 2020: lo spaventoso incidente di Romain Grosjean (Haas) F1, GP Bahrain 2020: lo spaventoso incidente di Romain Grosjean (Haas)

''NON VOGLIO FARNE PARTE'' Va detto, però, che l'avventura di Grosjean in Haas, forse rimodulata con il senno di poi proprio dopo l'incidente di Sakhir, prevede che il francese sia impegnato con il team di Dale Coyne e Rick Ware solo sui circuiti classici e stradali, rinunciando a cimentarsi sugli ovali e, dunque, anche nella mitica 500 miglia di Indianapolis, una rinuncia che non dev'essere stata facile per un pilota. In ogni caso Haas aggiunge: ''Gli ho comunque detto che non avrei potuto più portarlo in America, non riuscivo proprio a immaginarmi come avrei potuto relazionarmi con la moglie e i tre figli. Romain è un diavolo di pilota, in alcuni giorni può andare là fuori e potenzialmente batterli tutti, ama guidare e ha fatto la sua scelta, ma non credo sia stata la più saggia e non ne voglio fare parte. Mi sento fortunato quanto lui che non sia rimasto ucciso in Bahrain, è stato il giorno più fortunato della intera avventura in Formula 1 della Haas''.


Pubblicato da Simone Valtieri, 26/02/2021
Vedi anche
Logo MotorBox