F1 2018, GP Germania, le parole dei protagonisti: Hamilton, Bottas, Raikkonen e Vettel
F1 2018

GP Germania, le parole dei protagonisti: Hamilton, Bottas, Raikkonen e Vettel


Avatar Redazionale , il 22/07/18

3 anni fa - Hamilton, Bottas, Raikkonen e Vettel commentano il Gran Premio di Germania 2018

Lewis Hamilton, Valtteri Bottas, Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel commentano il Gran Premio di Germania 2018, sul tracciato di Hockenheim

GRIGLIA RIBALTATA Al termine del Gran Premio di Germania 2018 i protagonisti hanno commentato una gara folle, che ha visto vincere Lewis Hamilton, scattato in 14° posizione, e ritirarsi Sebastian Vettel, leader del mondiale fino a stamattina e in testa alla gara fino al momento dell'errore sul bagnato che gli è costato tutto. Oltre ai due protagonisti del mondiale, hanno commentato la domenica in pista anche i due piloti che hanno terminato sul podio, Valtteri Bottas e Kimi Raikkonen.

IL VINCITORE Incontenibile Lewis Hamilton, che dopo aver collezionato una serie di sfortune negli ultimi due weekend, incassa i suoi crediti dalla fortuna e azzecca strategia e timing della sosta che gli valgono la vittoria in casa di Sebastian Vettel (ma anche della Mercedes), la 66° della sua carriera. "Stamattina, quando mi sono svegliato, mi sentivo bene e sapevo di poter compiere l'impresa" - ha spiegato il britannico al termine della gara - "Anche sulla griglia ne ero convinto, ho tirato lunghissimo il primo stint ma non potevo andare oltre, le gomme erano finite, e sono dovuto rientrare ai box nonostante stesse arrivando la pioggia. Ma quando ha iniziato a piovere ho capito che avrei avuto le mie chance di giocarmela, vedevo la differenza sui tempi, guadagnavo fino a tre secondi. Poi la pioggia è cresciuta di intensità, Kimi ha cambiato gomme e pensavo di dover rientrare ai box anche io, ma sono rimasto dietro alla safety car (tagliando la corsia dei box, manovra che gli costerà una reprimenda a fine gara). Sapevo che lui e Bottas avevano gomme nuove, ma sapevo anche che non avrei mai mollato."

VEDI ANCHE



LO SCONFITTO Un Sebastian Vettel scurissimo in volto ha invece affrontato i microfoni del ring prima ancora che sventolasse la bandiera a scacchi, chiesto scusa al muretto box Ferrari e si è subito rifugiato nel suo motorhome, con il pensiero già volto al Gran Premio di Ungheria della prossima settimana. "Sono arrivato un pelo lungo in frenata, ho bloccato il posteriore e non sono riuscito a rimettere l'auto in pista." - ha dichiarato il tedesco sul suo incidente - "Non è stato un errore enorme, ma ha avuto un impatto gigantesco sul risultato. Sono molto deluso, avevamo la corsa in tasca e la velocità giusta, stavamo gestendo le gomme, questa pioggia proprio non ci voleva."

TEAM ORDER SI Valtteri Bottas ha assaporato a lungo il sapore della vittoria, prima contro Vettel, su una strategia però difficile da contrastare, poi provando addirittura a soffiarla al suo blasonato compagno di scuderia nel finale. Il finlandese ha comunque festeggiato il rinnovo di contratto con un ottimo secondo posto, rispettando l'ordine di scuderia ricevuto nel finale: "Quando la Safety Car è tornata ai box avevo la possibilità di combattere, ma con gomme simili c'è bisogno di tanto passo in più per superare. Abbiamo portato a casa il massimo bottino di punti, non c'è alcun risentimento da parte mia, l'ordine di scuderia è stato sensato."

TEAM ORDER NO Anche Kimi Raikkonen ha ricevuto un velato ordine di scuderia dalla Ferrari, quando era primo davanti a Vettel con gomme più usurate, e dal box gli è stato chiesto di salvaguardarle... o in sostanza di far passare il compagno. "Ci sono regole chiare, anche se in quel momento le spiegazioni che mi arrivavano non erano limpide. Ero su una strategia a due soste e avevo il passo, ma con la pioggia è cambiato tutto, la pista è diventata scivolosa. Sono deluso, non posso far altro che portare a casa questo terzo posto."


Pubblicato da Valerio Colombo, 22/07/2018
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox