Pubblicato il 20/03/2020 ore 15:00

ALTRO CHE VECCHIETTI! All'inizio di questo 2020 avaro di Motorsport, Carlos Sainz ha compiuto un'impresa vincendo la sua terza Dakar, e facendolo all'età di oltre 57 anni. Il record di vincitore ''meno giovane'' della storia del Motorsport già gli apparteneva con il successo nel raid Dakar del 2018, ma così facendo la leggenda spagnola dei rally ha spostato l'asticella ancora più in alto. Andiamo a vedere chi sono tutti i recordman di anzianità nella storia delle più grandi competizioni motoristiche a due e quattro ruote. Potete cliccare di seguito se invece vi interessa sapere a chi appartengono tutti i record di precocità!

RAID DAKAR Partiamo dunque proprio da Carlos Sainz, che come dicevamo è il pilota a vincere un evento internazionale con la data più lontana (rispetto al suo successo) impressa sulla carta d'identità: nato il 12 aprile 1962 a Madrid, infatti, il bi-campione del mondo di rally (1990, 1992) ha portato a casa la sua terza ''Dakar'' il 17 gennaio scorso (peraltro con la terza casa diversa in tre anni, la Mini, dopo aver vinto anche con Volkswagen nel 2010 e con Peugeot nel 2018), alla tenerissima età di 57 anni e 281 giorni, migliorando di circa due anni il suo precedente primato.

MONDIALE TURISMO Il ''vecchietto'' terribile delle ruote coperte è Gabriele Tarquini. Nato a Giulianova il 2 marzo 1962, il veterano del Turismo mondiale detiene una valanga di record di longevità, e non solo. Intanto è il Campione del Mondo del WTCC (World Touring Car Campionship) più anziano della storia, con il titolo 2016 conquistato a 54 anni e 268 giorni di età. Poi l'anno successivo, nel 2017, è diventato anche quello con l'età più alta a vincere nel TCR, campionato che nel 2018 si è poi fuso con il WTCC dando origine al WTCR, conquistando la vittoria all'esordio con la Hyundai all'età di 55 anni e 220 giorni. Infine è proprio nel WTCR che ha stabilito il record di vincitore più ''esperto'', vincendo il titolo nel 2018 alla strabiliante età di 56 anni e 261 giorni, e poi diventando anche il vincitore più anziano di una gara del campionato, in Ungheria nel 2019, a 57 anni e 57 giorni. Una menzione va fatta anche per Klaus Ludwig, pilota tedesco che vanta il primato di più anziano vincitore nel DTM (il campionato Turismo tedesco), dove ha riportato l'ultima delle sue 37 affermazioni totali il 6 agosto 2000 al Sachsenring, all'età di 50 anni e 306 giorni.

INDYCAR Il record della più nota serie americana a ruote scoperte appartiene a una leggenda della Formula 1, peraltro di origini italiane. Parliamo di ''Piedone'' Mario Andretti, che a 53 anni e 35 giorni è stato in grado nel 1993 di portare a casa il successo nella ''Valvoline 200''. Con la Lola sistemata per lui dal team Newman-Haas, ha conquistato il successo al Phoenix International Raceway nella seconda prova del campionato Indy Racing League il 4 aprile 1993, lui che è nato il 28 febbraio 1940. E se il record in IndyCar (dal 1996 a oggi) è del britannico Dario Franchitti, che ha riportato il titolo 2011 a 38 anni e 150 giorni, il record assoluto in una serie americana appartiene a Louis Unser, capostipite della leggendaria famiglia Unser da cui sono usciti Jerry, Bobby, Al (Sr), Johnny, Robby, Al Jr e Al III. ''Bis-nonno'' Unser vinse la iconica Pikes Peak Hillclimb in Colorado nel 1953, corsa facente parte del circuito AAA (American Automobile Association), all'età di 57 anni e 173 giorni. Per quel che riguarda, infine, la corsa delle corse, ossia la 500 miglia di Indianapolis, il vincitore più anziano di tutti è proprio Al Unser Sr, che nel 1987 conquistò il successo all'età di 47 anni e 360 giorni, 5 giorni prima di festeggiare il suo 48° compleanno. Una curiosità: Al Unser Jr partecipò a quella gara e giunse quarto, dietro anche al colombiano Roberto Guerrero e all'italiano Fabrizio Barbazza.

FORMULA 1 Nella categoria regina del Motorsport il primato di più anziano vincitore di una gara è pressoché imbattibile, viste le doti atletiche e psichiche richieste per guidare una monoposto di Formula 1 di oggi. Il record appartiene a Luigi Fagioli che nel 1951 vinse il Gran Premio di Francia all'età di 53 anni e 22 giorni, un primato neanche avvicinato dal secondo ''meno giovane'' a vincere in Formula 1, che è stato Nino Farina. Il campione del mondo italiano sulla Nordschleife del Nurbrugring vinse il Gran Premio di Germania 1953 a 46 anni e 276 giorni di età. E a proposito di campioni, il più anziano è stato invece Juan Manuel Fangio, che nel 1957 conquistò il suo quinto titolo mondiale all'età di 46 anni e 41 giorni. Potrebbe invece essere battibile il primato di vincitore più vecchio a Monte Carlo (non nel 2020, visto che la gara è stata rinviata) ma se Kimi Raikkonen decidesse di continuare anche nel 2021 e riuscisse nell'impresa con i suoi 41 anni, supererebbe Maurice Trintignant che nel 1958 vinse nel Principato all'età di 40 anni e 199 giorni.

NASCAR Anche tra le stock car americane sono arrivate vittorie di ultra-cinquantenari. Il più longevo di tutti a trionfare in una prova del campionato americano Nascar è stato Harry Gant, nato il 10 gennaio 1940 e vincitore tra il 1991 e il 1992 di ben sei gare oltre i 50 anni. L'ultima è arrivata a Brooklyn (Michigan), dove al volante della sua Oldsmobile - mai nome fu più azzeccato per un primato di questo tipo - conquistò la vittoria nella Champion Spark Plug 400 all'età di 52 anni e 219 giorni. Il record per il più anziano vincitore della Winston Cup, il trofeo che viene assegnato a chi si aggiudica il titolo della Nascar, appartiene invece a Bobby Allison, nato il 12 marzo 1937 e campione al termine della stagione 1983, all'età di 45 anni e 253 giorni.

24 ORE DI LE MANS E per quanto riguarda l'Endurance parliamo di un altro pilota italiano che detiene il record di longevità in una delle gare più celebri e importanti del mondo: la 24 ore di Le Mans. Il primato appartiene infatti a Luigi Chinetti, in realtà italo-americano all'epoca di quella vittoria in quanto, nato a Varese e trasferitosi negli USA nel corso della seconda guerra mondiale, lì prese la cittadinanza americana per poter continuare a gareggiare anche negli anni del conflitto. Una volta cessate le ostilità, Chinetti poté tornare in Europa e partecipare nuovamente alla ''Le Mans'' nel 1949, a 17 anni di distanza dal suo debutto vincente che era avvenuto nel 1932 (vinse peraltro anche l'edizione 1934). E così, al volante di una Ferrari 166M e con l'aiuto dell'altro pilota, il britannico Peter Mitchell Thomson, Luigi si impose per la terza volta nella corsa francese, stavolta però, alla bell'età di 47 anni e 343 giorni.

RALLY Il più longevo vincitore di un Rally del WRC (World Rally Championship) è lo svedese Bjoern Waldegard, che colse l'ultima delle sue 16 vittorie nel Mondiale a 46 anni e 155 giorni. Il rally in cui satabilì il primato fu il ''Safari'' 1990, disputato per la maggior parte sui polverosi sterrati del Kenya, al volante di una Toyota Celica GT-Four e con il fido Fred Gallagher come copilota. Il vincitore di un titolo WRC invece con l'anagrafe più avanzata è stato il finlandese Hannu Mikkola, che nel 1983 si è aggiudicato il suo primo e unico mondiale all'età di 41 anni e 183 giorni.

MOTOMONDIALE Guidare una moto è più impegnativo per il fisico che mettersi al volante di un'auto, ed è per questo motivo che i record di longevità su due ruote sono più stringenti rispetto a quelli a quattro ruote. Proprio valutando questo però, non deve passare inosservata l'impresa compiuta da Arthur Wheeler, il pilota britannico che detiene il record di vincitore più ''vecchio'' nel Motomondiale. Nel 1962 Wheeler si aggiudicò il Gran Premio d'Argentina della classe 250 sulla pista di Buenos Aires, all'età di 46 anni e 70 giorni! Se restringiamo il campo alla MotoGP invece lo scettro appartiene a Valentino Rossi, che ha conquistato l'ultima delle sue 115 vittorie nel Motomondiale il 25 giugno 2018 in Olanda, all'età di 38 anni e 129 giorni. Rossi è anche il più anziano vincitore di un titolo MotoGP, anche se questo è forse il primato più facilmente battibile, visto che nel 2009 - quando stabilì questo record, il Dottore aveva ancora solo 30 anni e 251 giorni. Invece il meno giovane vincitore di un titolo nel Motomondiale è il tedesco Hermann Paul Miller, che nel 1955 si aggiudicò aa 45 anni e 331 giorni di età, il titolo mondiale della classe 250.

DAKAR MOTO Sempre nell'ambito delle due ruote, stavolta off-road, il più anziano vincitore di una Dakar è Fabrizio Meoni. Il centauro italiano - tristemente sccomparso proprio mentre disputatava la corsa africana nel 2004 - aveva ottenuto il suo secondo successo consecutivo nella classifica generale della corsa con la KTM, all'età di 44 anni e 13 giorni. Il toscano di Castiglion Fiorentino era nato il 31 dicembre 1957 ed era solito festeggiare il suo compleanno all'inizio di ogni Dakar, che per tradizione scattava l'indomani del Capodanno. E così il 13 gennaio 2002 Meoni poté festeggiare il suo secondo successo nel raid del deserto ad appena due settimane di distanza dal suo 44° compleanno.

SUPERBIKE Della sfilza di italiani che detengono record di anzianità nelle competizioni motoristiche fa parte anche Max Biaggi. Il quattro volte campione del mondo della classe 250 del Motomondiale ha concluso la sua carriera di successo nelle derivate di serie, conquistando ben due titoli del Mondiale Superbike, l'ultimo dei quali arrivato in sella all'Aprilia RSV4 Factory nel 2012, quando il pilota romano aveva 41 anni e 103 giorni. L'ultimo successo in una singola gara per Max risaliva a circa un mese prima, al Nurburgring, quando aveva 41 anni e 75 giorni, anche questo un record per la serie.

TABELLA RIEPILOGATIVA

Eventi iconici Pilota più vecchio Anni Giorni
Dakar Auto (2020) Carlos Sainz (Spa) 57 281
500 miglia di Indianapolis (1987) Al Unser Sr. (Usa) 47 360
24 h di Le Mans (1949) Luigi Chinetti (Ita-Usa) 47 343
Dakar Moto (2002) Fabrizio Meoni (Ita) 44 13
GP Monaco (1958) Maurice Trintignant (Fra) 40 199
Campionati Pilota più vecchio Anni Giorni
Turismo (WTCR, 2019) Gabriele Tarquini (Ita) 56 261
Formula 1 (1957) Juan-Manuel Fangio (Arg) 46 41
Motomondiale (250, 1955) Hermann Paul Muller (Ger) 45 331
Serie americane (Indy 1983) Bobby Alison (Usa) 45 253
WRC (1983) Hannu Mikkola (Fin) 41 183
Superbike (2012) Max Biaggi (Ita) 41 103
IndyCar (2011) Dario Franchitti (Gbr) 38 150
MotoGP (2009) Valentino Rossi (Ita) 30 251
Singola gara Pilota più vecchio Anni Giorni
Serie americane (Pikes Peak, 1953) Louis Unser (Usa) 57 173
Turismo (Hungaroring, 2019) Gabriele Tarquini (Ita) 57 57
IndyCar (Phoenix, 1993) Mario Andretti (Usa) 53 35
Formula 1 (Reims, 1951) Luigi Fagioli (Ita) 53 22
Nascar (Brooklyn, MI, 1992) Harry Gant (Usa) 52 219
DTM (Sachsenring, 2000) Klaus Ludwig (Ger) 50 306
WRC (Rally Kenya, 1990) Bjoern Waldegard (Sve) 46 155
Motomondiale (B. Aires, 1962) Arthur  Wheeler (Gbr) 46 70
Superbike (Nurburgring, 2012) Max Biaggi (Ita) 41 75
MotoGP (Assen, 2018) Valentino Rossi (Ita) 38 129

TAGS: wtcc motogp formula 1 indianapolis dakar nascar dtm Carlos Sainz indycar vincitore più vecchio pilota più vecchio