Formula 1, Monza vuole rifarsi il look in vista del centenario
Formula 1

Formula 1, Monza vuole rifarsi il look in vista del centenario


Avatar Redazionale , il 12/12/18

2 anni fa - Presentato il progetto di restyling dello storico autodromo di Monza

Presentato il progetto di restyling dello storico autodromo di Monza che vuole apportare alcune modifiche per festeggiare adeguatamente il centenario nel 2022

RIVOLUZIONE MONZA Nel 2022 l’autodromo di Monza, la pista che ha ospitato più gran premi di Formula 1 della storia (ben 68 su 69 edizioni del mondiale), cambierà, per rafforzare il primato di pista più veloce del mondo (ovali a parte, ovviamente) e raggiungere gli standard nei servizi delle piste moderne. Servirà l’accordo con Regione e Comuni, e in Italia non è mai scontato, ma intanto è stato svelato il piano che vedrebbe la realizzazione di una valanga di novità in vista del centenario.

NUOVO LAYOUT Sono passati ben 96 anni da quel 28 luglio 1922, quando dopo soli 110 giorni di lavoro fu completato e inaugurato un impianto che sarebbe poi entrato di diritto nella leggenda del motorsport. Nel 2022 saranno 100 anni, e allora Monza si dovrà far trovare pronta. Come? Con un ritorno al passato che sarà con ogni probabilità molto gradito ai fan: dovrebbe saltare una tra la prima e seconda variante (da decidere, più probabilmente la seconda perché togliere la prima aumenterebbe il fattore rischio), si vuole poi ammorbidire il raggio della seconda di Lesmo per arrivare ancora più veloce all’Ascari, con una sede stradale aumentata a 12 metri su tutta la pista, come da regolamento FIA (Monza ha sin qui goduto di una deroga grazie all’anzianità della pista).

VEDI ANCHE



100 MILIONI PER 100 ANNI I lavori riguarderanno però anche l’impianto, con un ammodernamento della tribuna principale, dei servizi igienici, l’allargamento dei percorsi di accesso al circuito per pedoni e mezzi, e soprattutto il ripristino dell’ingresso e dell’uscita della storica soprelevata, da ristrutturare anch'essa. Il costo non sarà irrisorio: ben 100 milioni di euro, e questo è il primo grande ostacolo, nonostante il presidente dell’ACI nonché azionista SIAS (la società che gestisce l’autodromo) Angelo Sticchi Damiani, sia ottimista: “I soldi in qualche modo li troveremo” – ha commentato sulla Gazzetta dello Sport.

CRITICITÀ Tornando alla pista, la criticità più grande riguarda l’ampliamento del raggio della seconda di Lesmo, che si vorrebbe far tornare com’era prima del 1994, quando fu modificata in seguito all’inasprimento delle regole per la sicurezza generate dai fatali fatti di Imola, con gli incidenti di Barrichello, Ratzenberger e Senna. In questo caso sarebbe necessario l’allargamento delle vie di fuga, con conseguente problema di abbattimento degli alberi.

NODI POLITICI Tutto bellissimo, se non fosse che restano altre due criticità: l’accordo politico nel Consorzio Parco (che comprende i comuni di Milano, Monza e la Regione Lombardia), e il rinnovo del contratto con Liberty Media che scade tra due anni. “Finora sono stati stanziati dalla Regione 15 milioni di euro” – ha spiegato Sticchi Damiani – “Ora bisogna stringere i tempi, perché senza la Convenzione con il Consorzio Parco come faccio a chiudere l’accordo di rinnovo con Liberty Media?


Pubblicato da Simone Valtieri, 12/12/2018
Vedi anche
Logo MotorBox