Pubblicato il 13/03/2020 ore 13:51

MONDIALE STRAVOLTO La decisione era nell'aria ed è giunta, questa sì, piuttosto repentinamente. I vertici della Formual 1 hanno deciso di rinviare i Gran Premi di Bahrain e Vietnam a data da destinarsi. ''A causa della continua diffusione mondiale del Virus COVID-19 e dopo aver parlato con la FIA, il circuito del Bahrain, e la Vietnam GP Corporation'' - si legge nel comunicato ufficiale diramato dalla FOM - ''È stata presa la decisione di posticipare le due gare previste per il 20-22 marzo in Bahrain e per il 3-5 aprile in Vietnam''.

TEMPO NECESSARIO ''In seguito all'annuncio della cancellazione del Gran Premio d'Australia questa settimana e vista la continua e rapida evoluzione circa la diffusione del COVID-19 a livello globale, la Formula 1, la FIA e i promotori hanno preso queste decisioni al fine di garantire la salute e la sicurezza di tutte le persone coinvolte, dal personale ai partecipanti e soprattutto ai fan, che rimangono la nostra principale preoccupazione'' - si legge nel comunicato - ''La Formula 1 e la FIA continuano a lavorare a stretto contatto con i promotori delle gare in Bahrain e Vietnam e con le autorità locali per monitorare la situazione e impiegare il tempo necessario per studiare la fattibilità di potenziali date alternative per ciascun Gran Premio più avanti nel corso dell'anno, con il miglioramento della situazione. Di conseguenza FIA e Formula 1 prevedono di iniziare il campionato in Europa, alla fine di maggio, ma dato il forte aumento di casi di Covid-19 negli ultimi giorni, la situazione sarà monitorata giorno per giorno''.

Chase Carey (Liberty Media) e Jean Todt (FIA)

CAREY E TODT Hanno aggiunto un loro commento i due presidenti di Formula 1 e FIA. Chase Carey (FOM), ha spiegato: ''La situazione riguardo all'evoluzione del COVID-19 è molto difficile da prevedere, ed è giusto prendersi del tempo per valutare la situazione e prendere le giuste decisioni. Non vediamo l'ora di poter toranre in Bahrain e di portare lo spettacolo della Formula 1 in Vietnam''. Jean Todt, presidente della Federazione Internazionale, ha aggiunto: ''La prima cosa è proteggere le persone. Insieme alla Formula 1 e agli organizzatori dei GP di Bahrain e Vietnam, come per il GP d'Australia abbiaconvenuto che questa fosse l'unica soluzione possibile. Continuiamo a fare affidamento sul contributo e sulla consulenza dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dei governi, e lavoreremo con loro durante questo periodo imprevedibile per tutelare i fan, i concorrenti e tutta la comunità degli sport motoristici''.


TAGS: formula 1 fia fom GP Vietnam 2020 GP Bahrain 2020