Pubblicato il 04/09/20

PRATICA PERICOLOSA Come vi avevamo anticipato ieri, la FIA e i team si sono riuniti al termine delle prove libere del venerdì del GP Italia per trovare un rimedio all'esasperata ricerca della scia altrui in qualifica. Una pratica che lo scorso anno aveva portato a una Q3 farsa, con ben nove piloti che presero la bandiera a scacchi prima del loro ultimo tentativo e di cui si sono già riviste delle anteprime sia nel sabato del GP Belgio sia nelle sessioni odierne a Monza.

NUOVE REGOLE Per evitare il ripetersi di ingorghi degni del traffico delle grandi città, la FIA ha imposto un tempo massimo entro cui i piloti dovranno completare il giro del tracciato di Monza. Il crono di riferimento è di 1:43, circa 23 secondi superiore ai migliori tempi fatti segnare quest'oggi. Chi non rispetterà questo limite verrà segnalato agli steward che decideranno come punire questa condotta. Inoltre, il direttore di gara Michael Masi ha comunicato che anche chi si muoverà a zig zag lungo il tracciato per ostacolare un'altra vettura finirà sotto investigazione. La norma è valida fin dalle PL3 di domani mattina: alla pista il responso sulla sua effettiva utilità.


TAGS: monza f1 Italian GP 2020