SOGNO AMERICANO La Formula 1 espande i suoi orizzonti e potrebbe approdare in Arabia Saudita già nel 2021, l'anno dell'attesissima rivoluzione tecnica, e intanto consolida la sua presenza in america con il rinnovo triennale del GP del Messico (l'ufficialità, è arrivata nella serata di oggi). D'altronde non appena insediatasi alla guida della Formula 1, la proprietà americana di Liberty Media aveva paventato il sogno di portare a 25 i Gran Premi in un anno, una cosa utopistica anche solo da pensare solo qualche stagione fa, ma che si sta via via concretizzando.

CAMPIONATO INFINITO Per il prossimo anno sono infatti già 21 le tappe inserite nel calendario iridato, con l'ingresso di Olanda e Vietnam e con in sospeso ancora le tappe di Germania e Spagna (quest'ultima dovrebbe rinnovare a breve, mentre per quanto riguarda Hockenheim è difficile che l'appuntamento si replichi anche nel 2020...). Dunque il prossimo mondiale sarà probabilmente il più lungo della storia, e quello del 2021 potrebbe subito archiviare questo record.

FORMULA ARABIA L'Arabia Saudita è infatti interessata a essere la terza tappa mediorientale del Circus, dopo Bahrain e Abu Dhabi. A riportarlo l'autorevole quotidiano inglese Times, secondo cui la dirigenza della Formula 1 avrebbe chiesto ai team un parere a riguardo, e il beneplacito arriverebbe solo in caso di rassicurazioni circa alcune spinose questioni controverse nel Paese arabo: rispetto dei diritti umani, libertà di stampa, uguaglianza di genere. Il paese Saudita ha peraltro ospitato quest'anno una tappa della stagione di Formula E sul circuito cittadino di Ad Diriyah, dove in novembre si aprirà anche il campionato 2019-2020 con una gara a doppia manche.

MESSICO PER TRE Tornando invece all'attualità, il Gran Premio del Messico resterà in Formula 1 per altre tre stagioni dopo la seguente. Il contratto sarebbe scaduto infatti con il GP del 27 ottobre prossimo, ma il rinnovo è stato ufficializzato da Liberty Media dopo che, nelle scorse ore, grande ottimismo era trapelato dalle parole della sindaca di Città del Messico, Claudia Sheinbaum. Il circus resterà dunque sul tracciato Hermanos Rodriguez almeno fino al 2022. Quando il calendario potrebbe essere già ancora più ricco di quello cui siamo stati abituati fino a questa stagione...


TAGS: formula 1 f1 2019 GP Messico F1 GP Messico 2019 GP Arabia Saudita GP Arabia Saudita F1 F1 Arabia Saudita