Autore:
Antonio Albertini

LA BEFFA A Sochi, la Ferrari ha visto sfumare la seconda doppietta consecutiva nel modo più beffardo: il problema tecnico che ha messo fuori gara Sebastian Vettel, costringendolo a parcheggiare la sua SF90 a bordo pista, ha provocato l'instaurazione del regime di Virtual Safety Car. Con la gara neutralizzata, la Mercedes ha potuto richiamare per il cambio gomme Lewis Hamilton, facendolo rientrare comodamente davanti a Charles Leclerc. Il destino ha così premiato la scelta del team campione del mondo di partire con gomme medie e non morbide, come fatto invece dalla Ferrari.

L'AMMISSIONE Una strategia, quella di partire con le Pirelli gialle al posto delle rosse, che su circuiti ad alto degrado spesso paga. Non è questo però il caso di Sochi, dove le Ferrari hanno potuto continuare a spingere a lungo con gli pneumatici morbidi e solo la sfortuna ha tolto loro una meritata vittoria. Lo hanno ammesso candidamente anche dalla Mercedes, in primis proprio Hamilton: "Prima della gara ci siamo seduti e parlato delle nostre stime, se la gomma morbida sarebbe durata oppure no, se avevamo fatto bene o meno. Penso che alla fine avessero ragione loro, perché la gomma morbida era molto più forte di quanto ci aspettassimo. Non c'era quella gran differenza tra le mescole, quindi tenere il passo con le Soft data la loro consistenza e velocità era molto difficile, quindi non me l'aspettavo".

F1 GP Russia 2019, Sochi: Lewis Hamilton comanda la gara davanti a Bottas e Leclerc

NON ALL'ALTEZZA Anche Toto Wolff ha ammesso che senza la variabile della VSC per la Mercedes il finale di gara del GP Russia sarebbe stato lo stesso visto nei precedenti tre gran premi: "Penso che saremmo passati alla Soft negli ultimi 25 giri e ci saremmo trovati Soft contro Medium. Realisticamente, devo dire, non credo che sarebbe bastato. Li avremmo seguiti nei tubi di scarico come nelle ultime gare, ma non abbastanza. Dobbiamo essere consapevoli che in termini di velocità non abbiamo avuto le prestazioni in questo weekend. E ci sono molte aree sulle quali dobbiamo lavorare per ripristinare i nostri livelli di prestazione".


TAGS: ferrari mercedes formula 1 sochi f1 Hamilton gp russia wolff leclerc