Autore:
Simone Valtieri

È ANCORA MAX VS ESTEBAN Nella conferenza stampa del giovedì ad Abu Dhabi, dove domenica si concluderà il campionato mondiale 2018, c'è stato ampio spazio anche per i due protagonisti, in positivo e in negativo, dello scorso Gran Premio del Brasile: Max Verstappen ed Esteban Ocon. I due si sono toccati in pista rovinandosi vicendevolmente la gara, ma chi ci ha perso maggiormente è stato l'olandese, che stava comandando il GP ed è alla fine arrivato secondo, rispetto al francese, che stava cercando di sdoppiarsi in quei frangenti. Nel dopo gara i due sono quasi venuti alle mani durante le procedure di peso, dopodiché sono stati richiamati dalla commissione gara che ha inflitto a Verstappen due giornate di lavori socialmente utili in FIA.

IL GUSTO PER IL MELODRAMMA Tornando alla conferenza, l'olandese non si è sottratto alle domande: "Vi piace il melodramma anche a distanza di tempo eh?" - ha esordito rivolgendosi ai giornalisti - "È stato un brutto episodio. Ero a velocità di crociera quando ho superato Hamilton ed ero in testa. Poi è andata come sapete. Quando sono tornato ai box mi aspettavo quantomeno delle scuse, e invece ciò che ha detto mi ha fatto arrabbiare ancora di più. Non importa cosa mi abbia detto di preciso, ciò che conta è che volevo delle scuse e non sono arrivate, ho reagito con fin troppa calma, non potete capire cosa significhi essere in testa a una gara e perderla così. La Federazione ha deciso di punirmi con due giornate di attività socialmente utili, vedremo cosa dovrò fare."

LE PAROLE CHE (NON) TI HO DETTO Max ha anche minimizzato quanto accaduto al peso: "Ci sono spinte e spintoni in ogni sport, ho avuto una reazione moderata ma non potevo certo stringergli la mano. Voi avete solo visto la mia reazione, ma non avete sentito ciò che è stato detto sulla bilancia. Cosa? Qualcosa che mi ha fatto incazzare, se non ricevi risposta adeguata e non sei un robot, va a finire che reagisci come ho fatto io. In ogni caso non ho mai detto che abbia fatto apposta quella manovra, l'ho letto quindici minuti fa su Twitter ma non è così. Ho reagito così per quello che ha detto. Non giudicatemi, non siete piloti e non potete capire cosa si prova, a volte è difficile evitare che le emozioni prendano il sopravvento."

OCON DISPIACIUTO Molto più pacato sulla questione Esteban Ocon, che domenica disputerà l'ultima gara in Formula 1 prima di un eventuale ritorno nel 2020, visto che nella prossima stagione tutti i posti o quasi (ne manca solo uno in Toro Rosso e l'ufficializzazione del suo sedile ceduto a Stroll in Force India) sono stati assegnati: "Ormai è accaduto e non lo si può cambiare, non è bello ovviamente essere coinvolto in un incidente con il leader della corsa" - ha dichiarato il francese - "Credo che tornando indietro Max non rifarebbe la stessa cosa, ma è andata così. Avrebbe meritato di vincere. Perché stavo spingendo così? Quando sono uscito dai box ho spinto al massimo perché speravo di poter recuperare la zona punti, magari se fosse intervenuta una Safety Car."


TAGS: ferrari max verstappen esteban ocon f1 2018 GP Abu Dhabi 2018 Ocon Verstappen Brasile 2018