Autore:
Simone Valtieri

L'OCCASIONE SPECIALE Dopo aver siglato il miglior tempo della due giorni di test Pirelli ad Abu Dhabi nel day 2, giorno del suo debutto da pilota ufficiale Ferrari, Charles Leclerc ha risposto alle tante domande dei cronisti: "Ovviamente è stata l'occasione più speciale nella quale io abbia guidato con la Ferrari" - ha spiegato il monegasco, che già in passato aveva svolto test con la Scuderia - "Perché questa volta sapevo che tutto il lavoro che stavo facendo in macchina serviva direttamente a me per il prossimo anno. È stato estremamente speciale"

CONSAPEVOLEZZA E il lavoro svolto è consistito nel girare per ben 135 giri con la SF71H, che con la giornata di ieri è andata in pensione, e stabilire il miglior tempo di giornata in 1'36"450 con la 'Compound 5', la gomma che nel 2019 andrà a sostituire la Hypersoft e sarà marchiata come Soft nei GP in cui verrà utilizzata. "È stato speciale anche perché ora tutti sono consapevoli di questo, che sarò titolare nel 2019, soprattutto il team" - ha proseguito Leclerc - "Ed è dunque stato differente, una giornata piuttosto emozionante e sono estremamente felice."

BELLA FIGURA Alla domanda se avesse spinto per fare il suo tempo, che è risultato alla fine più veloce di 4 decimi rispetto a quello realizzato dal suo nuovo compagno di scuderia, Sebastian Vettel, nel day 1, Charles ha risposto onestamente: "Ogni volta che salgo in macchina provo a spingere per trovare il limite più in fretta possibile, anche se lo scopo principale di questo test era provare le gomme 2019 piuttosto che mostrare il mio livello e fare una comparazione con quelle di quest'anno, però ovviamente ci tenevo a fare bella figura."

NESSUN PARAGONE Resta poi inevitabile paragonare il suo stile di guida a quello di Vettel, ma a frenare su questo aspetto è lo stesso Leclerc sulle pagine della Gazzetta dello Sport: "Oggi è stato importante conoscere il team, molte persone le avevo già incontrate ma è diverso lavorarci sapendo che correrò con loro ogni gara del 2019. Ogni squadra ha un suo metodo di lavoro e questi test mi hanno permesso di farmi un'idea di cosa mi aspetterà. In ogni caso non si possono fare paragoni tra me e Seb, soprattutto dopo soli due giorni. Ci eravamo già incontrati per il mio lavoro al simulatore e poi avevo già provato la macchina a Le Catellet e non abbiamo avuto tempo per scambiarci impressioni, ma è stato interessante vederlo all'opera al volante. In inverno cercherò di prepararmi al meglio e crescere, ridurre i miei punti deboli e apprendere dal team e dal mio compagno, non vedo l'ora di guidare l'auto nuova ed essere a Melbourne, al via del GP d'Australia."

 


TAGS: ferrari vettel Charles Leclerc Leclerc Ferrari Test Pirelli Abu Dhabi Test Abu Dhabi 2018