Autore:
Simone Valtieri

LA SFIDA 2019 È GIÀ INIZIATA Oltre a Kimi Raikkonen e Lewis Hamilton, i due protagonisti più attesi nel paddock di Marina Bay, nel giovedì che inaugura il Gran Premio di Singapore, sono Charles Leclerc e Sebastian Vettel. I due piloti che il prossimo anno condivideranno il box della Ferrari, hanno parlato ai microfoni della stampa, chi del suo futuro, chi del campionato in corso, dicendo entrambi cose molto interessanti.

MY OWN WORST ENEMY "Sono il mio peggior nemico", recitava all'inizio dei Duemila una nota canzone punk, che oggi potrebbe risuonare nella testa di Sebastian Vettel, artefice e unico colpevole per il distacco sin qui incassato da Lewis Hamilton. Cominciano a essere un po' troppi gli errori messi in fila dal tedesco, che è costretto a recuperare 30 punti dal rivale. L'impresa è possibile, grazie alle potenzialità Ferrari viste quest'anno, ma se non cesseranno gli errori, come quello costosissimo di Hockenheim o, ultimo in ordine cronologico, il testacoda con contatto a Monza, la strada verso il titolo potrebbe farsi proibitiva. "Credo di essere il mio più grande rivale" - ha spiegato Seb a Singapore - "Abbiamo una grande auto, ho qualcosa da potermi giocare e tutte le chance per farle. Ovviamente il leader è Lewis al momento, è quello davanti e quello da battere, ma penso che abbiamo delle chance. Dobbiamo tornare a vincere le gare e pensare positivo. Questa sarà la gara più difficile dell'anno, mentalmente e fisicamente, e non vedo l'ora di correrla."

TITOLO NEL MIRINO Intanto, se è vero il detto che il tuo compagno di squadra è il primo dei nemici, Charles Leclerc conferma che cercherà di non rendere la vita facile proprio a Sebastian Vettel, di cui nel 2019 sarà compagno di squadra: "La telefonata di Arrivabene è arrivata sabato sera, ero molto emozionato, sono diventato la persona più felice del mondo. La prima cosa che ho fatto è stata chiamare la mia famiglia per dirglielo" - ha spiegato il monegasco sul suo ingaggio in Ferrari - "Non cambierò il mio approccio, cercherò di fare il miglior lavoro possibile e spingerò al massimo per portare la Ferrari alla vittoria. Devo imparare molte cose ma se il prossimo anno la Ferrari dovesse ancora avere la macchina migliore, allora il mio obiettivo sarà quello di vincere il titolo, è una cosa enorme e dovrò crescere come persona e come pilota per riuscirci. Pressione? Credo di avere una mentalità che mi toglie tutta la pressione, sono concentrato sempre e solo su di me, non penso a cosa le persone si aspettano da me, se lavoro nel modo giusto i risultati arriveranno."


TAGS: ferrari GP singapore Charles Leclerc f1 2018 GP Singapore 2018 Marina Bay Leclerc Vettel