Autore:
Valerio Colombo

POLE RECORD! La pole position del Gran Premio d'Italia 2018, nel tempio della velocità, va alla Ferrari. Non quella del predetto Vettel, ma a quella del finnico di ghiaccio Kimi Raikkonen, terzo incomodo nella lotta iridata e autore di un ultimo giro perfetto in 1'19"119, alla spaventosa media di 263.587 kmh, semplicemente il giro più veloce della storia della Formula 1. Dietro al finlandese un Sebastian Vettel un po' deluso da un piccolo errore commesso nell'ultimo tentativo, che non gli ha precluso comunque di sopravanzare Lewis Hamilton di appena 14 millesimi, il magistrale britannico che ha sopperito al deficit della sua auto su questa pista rifilando 3 decimi al suo compagno di squadra e spaventando la Ferrari fino all'ultimo secondo di qualifica. Ma vediamo com'è andata nel dettaglio:

IL TAGLIO IN DUE MILLESIMI Nel primo segmento di qualifiche il primo a timbrare un tempo interessante è stato Kimi Raikkonen, in 1'20"937, subito scalzato dal compagno di Ferrari, Sebastian Vettel in 1'20"738. Nella seconda e terza tornata di giri Lewis Hamilton, che era staccato oltre mezzo secondo dopo il primo, prova ad avvicinarsi ma non fa meglio di 1'20"810 con Vettel che migliora fino a 1'20"542. In mezzo ai due resta Raikkonen in 1'20"722. Valtteri Bottas non è il quarto incomodo, quinto a 839 millesimi pari merito con Max Verstappen, entrambi dietro a Daniel Ricciardo, che però scatterà domenica nelle retrovie, così come Hulkenberg ed Ericsson per la sostituzione del motore. Emozionante la battaglia per il taglio: tra gli eliminati del primo segmento Charles Leclerc, autore di un errore nel tentativo decisivo, e infine solo 17° a due millesimi dal 15°, e Sergio Perez per appena un millesimo di ritardo da Romain Grosjean, ultimo dei qualificati. Fuori anche Brendon Hartley, Marcus Ericsson e Stoffel Vandoorne,

LIVELLO SPAZIALE Se la prima porzione di qualifiche è stata di livello eccelso, la seconda diventa spaziale! Lewis Hamilton mostra i muscoli in 1'19"798 ma non tarda a rispondere Sebastian Vettel che si impone prima per 13 millesimi, poi per quasi due decimi in 1'19"629, entrambi sotto al record ufficiale della pista, con il tedesco distante appena un decimo da quello ufficioso di Juan Pablo Montoya, l'uomo più veloce di sempre a Monza (1'19"525 nel 2004 con la Williams). Raikkonen è inizialmente staccato di quasi mezzo secondo poi migliora fino a 1'19"846. Quarto Verstappen a 7 decimi, di poco davantii a Bottas, poi Grosjean, Ocon, Stroll, Sainz e Gasly, tutti dentro la Q3. Scintille tra Magnussen e Alonso, che si ingaggiano alla prima variante rischiando il contatto, con tanto di discussione in diretta TV sulla pitlane tra i due rispettivi team principal, Gunther Steiner e Zak Brown. Entrambi i piloti sono comunque fuori dalla Q3, con il danese eliminato per appena 2 millesimi, che chiude davanti a Sirotkin e Alonso. Non scendono in pista Hulkenberg e Ricciardo, che domani scatteranno dal fondo con gomma nuova.

PIOGGIA DI RECORD Nella terza e decisiva sessione attendono qualche minuto i protragonisti prima di scendere in pista. Dopo il primo giro di tentativi sorprendentemente sono tre i piloti a infrangere il record di Montoya, nell'ordine Sebastian Vettel, Kimi Raikkonen e Lewis Hamilton si tolgono il primato nel giro di dieci secondi. Il britannico fa 1'19"390 e rifila 69 millesimi a Raikkonen e 107 a Vettel. Bottas e Verstappen chiudono la top 5 su Sainz, Grosjean, Ocon, Gasly e Stroll, ma non finisce qui: nell'ultimo settore dell'ultimo tentativo la Ferrari arpiona la prima fila con Sebastian Vettel prima e Kimi Raikkonen poi, entrambi bravi a togliere prima posizione e record della pista a Hamilton. Primo Kimi Raikkonen in 1'19"119 che stacca la pole con il giro più veloce di sempre nella storia della Formula 1, a una media di oltre 263kmh, poi Sebastian Vettel a 161 millesimi, terzo Hamilton a 175. Quarto Bottas a completare la seconda fila Mercedes a 537 milleismi, poi Verstappen a 1"5 ha preceduto Romain Grosjean con la Haas-Ferrari, Quarta e quinta fila per Sainz e Ocon, Gasly e Stroll.

RISULTATI QUALIFICHE

Pos.
Pilota Team Q1 Q2 Q3 Giri
1 Kimi Räikkönen Ferrari 1:20.722 1:19.846 1:19.119 21
2 Sebastian Vettel Ferrari 1:20.542 1:19.629 1:19.280 20
3 Lewis Hamilton Mercedes 1:20.810 1:19.798 1:19.294 20
4 Valtteri Bottas Mercedes 1:21.381 1:20.427 1:19.656 18
5 Max Verstappen Red Bull-Tag Heuer 1:21.381 1:20.333 1:20.615 15
6 Romain Grosjean Haas-Ferrari 1:21.887 1:21.239 1:20.936 21
7 Carlos Sainz Renault 1:21.732 1:21.552 1:21.041 17
8 Esteban Ocon Force India-Mercedes 1:21.570 1:21.315 1:21.099 17
9 Pierre Gasly Toro Rosso-Honda 1:21.834 1:21.667 1:21.350 24
10 Lance Stroll Williams-Mercedes 1:21.838 1:21.494 1:21.627 14
11 Kevin Magnussen Haas-Ferrari 1:21.783 1:21.669   12
12 Sergey Sirotkin Williams-Mercedes 1:21.813 1:21.732   13
13 Fernando Alonso McLaren-Renault 1:21.850 1:22.568   14
14 Nico Hulkenberg Renault 1:21.801 DNF   12
15 Daniel Ricciardo Red Bull-Tag Heuer 1:21.280     3
16 Sergio Perez Force India-Mercedes 1:21.888     5
17 Charles Leclerc Sauber-Ferrari 1:21.889     10
18 Brendon Hartley Toro Rosso-Honda 1:21.934     12
19 Marcus Ericsson Sauber-Ferrari 1:22.048     10
20 Stoffel Vandoorne McLaren-Renault 1:22.085     9

Foto di Andrea Lorenzina e Stefano Arcari per AessePhoto


TAGS: ferrari formula 1 vettel Raikkonen Hamilton f1 2018 f1 2018 gp italia GP Italia 2018 Monza 2018