Il dettaglio che ha salvato il podio di Alonso nel GP Qatar
F1 2021

Alonso, podio salvo per un dettaglio: "Abbiamo capito che era la chiave"


Avatar di Luca Manacorda , il 26/11/21

1 mese fa - L'Alpine era molto preoccupata per la gomma anteriore di Alonso

Nel finale del GP Qatar, l'Alpine era molto preoccupata per la gomma anteriore di Alonso

MAGHI DELLE GOMME Alla base del ritorno sul podio di Fernando Alonso sette anni dopo l'ultima volta c'è stata la perfetta gestione delle gomme, che ha permesso allo spagnolo di effettuare una sola sosta contro le due dei rivali diretti e in particolare di Sergio Perez, transitato sotto la bandiera a scacchi del GP Qatar a meno di tre secondi dal due volte iridato. Una strategia rischiosa, ma che alla fine ha pagato. Per l'Alpine non si tratta neppure della prima volta, dato che in Turchia riuscì a portare Esteban Ocon in zona punti facendogli completare l'intero gran premio disputato su asfalto umido senza neppure una sosta ai box.

DETTAGLIO FONDAMENTALE In casi come questo, ogni minimo dettaglio gioca un ruolo determinante. Negli ultimi giri, il muretto del team francese era in apprensione per le condizioni della gomma anteriore sinistra di Alonso. Diverse forature avevano colpito altri piloti, da Valtteri Bottas a George Russell passando per Lando Norris, ma gli ingegneri avevano già capito in anticipo qual era la chiave per evitare simili problemi. A spiegarlo è stato il team principal Marcin Budkowski: ''Tutti hanno lavorato duramente per far durare quella gomma fino agli ultimi giri, quindi sì, è stato stressante. Sapevamo che se ci fossimo fermati ai box non avremmo ottenuto nulla. Abbiamo iniziato a gestire queste gomme abbastanza presto, ma abbiamo anche capito che evitare i cordoli era la chiave e abbiamo chiesto ai nostri piloti di farlo''.

VEDI ANCHE



F1 GP Qatar 2021, Doha: Fernando Alonso (Alpine F1 Team) taglia il traguardo F1 GP Qatar 2021, Doha: Fernando Alonso (Alpine F1 Team) taglia il traguardo

SUSPENSE E SICUREZZA La Virtual Safety Car decisa dalla direzione gara nei giri finali dopo che Nicholas Latifi aveva parcheggiato la sua monoposto, anch'essa vittima di una foratura, ha semplificato il lavoro dell'Alpine neutralizzando i due giri precedenti quello conclusivo. Nonostante ciò, Budkowski è rimasto in apprensione fino alla fine: ''Nell'ultimo giro ho visto tutti i meccanici saltare verso la griglia e ho pensato: 'No no no, mancano ancora alcune curve!'. Onestamente, era una questione di poche curve se ce l'avremmo fatta o meno''. In ogni caso, la situazione al limite non comportava alcun rischio per il pilota: ''Non c'era alcun problema di sicurezza. Se fori la gomma anteriore, perdi solo l'avantreno e scivoli. Con la gomma posteriore è un po' diverso, perché se ne perdi una potresti andare in testacoda e finire fuori pista. Eravamo fiduciosi di non mettere a rischio nessuno lì, ma ovviamente stiamo mettendo a rischio la nostra gara e i nostri punti''.


Pubblicato da Luca Manacorda, 26/11/2021
Tags
Vedi anche
Logo MotorBox