Pubblicato il 09/10/20

PRIMO FOCOLAIO C'è preoccupazione in casa Mercedes, dopo che altri sei membri del team di F1 sono stati messi in isolamento in seguito al caso di positività al Covid-19 registrato nella giornata di ieri. Si tratta del primo focolaio di coronavirus all'interno di una scuderia partecipante al Mondiale, dopo che fino a qui la bolla di sicurezza aveva funzionato decisamente, con il solo caso di Sergio Perez in agosto a coinvolgere una persona appartenente allo staff delle squadre.

SEI IN ISOLAMENTO Come impongono le norme, l'intero team Mercedes è stato ritestato ieri al Nurburgring dopo la scoperta del primo caso di coronavirus. Questa ulteriore verifica ha portato alla scoperta di un secondo positivo, mentre un altro test ha restituito un risultato inconcludente e ha richiesto un altro esame, il cui esito non è ancora stato comunicato. Le due persone coinvolte in questi casi sono state messe in isolamento, così come altri quattro membri al momento negativi ma che sono stati a stretto contatto con gli infetti.

ARRIVANO I RINFORZI Tutte le persone interessate da queste restizioni non potranno partecipare al weekend del GP Eifel. Per questo motivo, la Mercedes ha chiamato dalla Gran Bretagna sei sostituti che possano occupare i ruoli rimasti scoperti. Il team sta lavorando a stretto contatto con FIA e F1 per la gestione della situazione. Al momento non ci sono preoccupazioni per lo stato di salute dei due piloti, Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

 

 


TAGS: mercedes f1 CoViD-19 Eifel GP 2020