Pubblicato il 07/08/20

FENOMENO DA ARGINARE Il caso Racing Point scuote il paddock della F1. La RP20 progettata come copia della Mercedes W10 dello scorso anno apre una discussione che riguarda l'intero Circus: come prevenire la possibilità che altre team adottino la stessa strategia, trasformando lo schieramento di partenza in una lunga sequenza di cloni della monoposto dominatrice della stagione precedente? La FIA, dopo aver pesantemente multato la scuderia di Lawrence Stroll e tolto 15 punti dalla classifica Costruttori, sta pensando a come arginare questo fenomeno in vista del 2021.

UN NUOVO LIVELLO DI COPIATURA A spiegare il punto di vista della Federazione è il responsabile delle questioni tecniche relative alle monoposto, Nikolas Tombazis: ''Prima di tutto, copiare avviene in F1 da molto tempo, scattando foto e talvolta decodificandole per creare concetti simili o, in alcune aree, anche identici. Non pensiamo che questo possa fermarsi completamente in futuro, ma crediamo che la Racing Point abbia portato questo a un altro livello. Hanno chiaramento deciso di adottare questa filosofia per l'intera vettura, per quello che definirei un cambio di paradigma. Hanno utilizzato una rottura nel processo che è stata la norma nella progettazione di un'auto di F1 negli ultimi 40 anni. Non bisogna penalizzarlo poiché sono stati originali nel decidere di seguire questo approccio. Tuttavia, non pensiamo che questo sia ciò che dovrebbe diventare la F1. Non vogliamo che il prossimo anno ci siano 8 o 10 Mercedes, o copie di Mercedes, sulla griglia, dove l'abilità principale diventa il modo in cui esegui questo processo. Non vogliamo che questa diventi la norma della F1''.

F1 2020: Nikolas Tombazis (FIA)

DIVIETO PER IL 2021 La questione è complessa, soprattutto nel modo in cui definire cosa è legale o meno. Tombazis ha aggiunto: ''Prevediamo, a breve termine, di introdurre alcuni emendamenti alle normative sportive del 2021 che impediranno che questo diventi la norma. Impediranno di utilizzare parti estese di foto per copiare porzioni intere di altre auto come ha fatto la Racing Point. Accetteremo comunque la copia di singoli componenti e aree locali, ma non vogliamo che l'intera vettura sia una copia di un'altra vettura''. L'ingegnere greco, ex Ferrari, ha aggiunto che la sentenza e le conseguenti indicazioni verranno fornite nelle prossime settimane, per evitare che i team replichino questa metodologia di lavoro per la vettura 2021. Il congelamento dei regolamenti offrirebbe infatti un assist per chi volesse copiare la Mercedes W11 di quest'anno.

SPIONAGGIO IN 3D Dal team campione del mondo arrivano dichiarazioni interessanti da Toto Wolff. Nella conferenza stampa del venerdì a Silverstone, il boss della Mercedes ha spiegato che un team ha utilizzato una fotocamera 3D per scansionare le W10 dello scorso anno: ''Non posso dire chi fosse, ma è abbastanza ovvio. Quando la colleghi al computer, ti dà tutto. Questa tecnologia esiste, non c'è nulla che la proibisca. Abbiamo visto lo scorso anno, in alcune occasioni, uno dei nostri principali rivali con una fotocamera 3D che scansionava le nostre auto, dentro e fuori i nostri garage''.

F1 2020: Cyril Abiteboul (Renault) e Toto Wolff (Mercedes)

LA RENAULT PENSA ALL'APPELLO La Renault ha accolto con soddisfazione le conclusioni a cui è giunta la FIA e ora sta valutando se fare o meno appello per ottenere una sanzione più severa per gli avversari. Cyril Abiteboul, numero uno del team della casa francese, ha spiegato: ''Stiamo esaminando se faremo appello o meno alla sanzione, non ovviamente sulla decisione. C'è una discussione e proteste molto specifiche e mirate in relazione a una parte dell'auto, il condotto del freno, anteriore e posteriore. In relazione a ciò, siamo soddisfatti del fatto che i commissari della FIA abbiano confermato che alcune di queste parti violavano i regolamenti sportivi. Penso che la questione della sanzione sia aperta al dibattito e potrebbe probabilmente essere discussa all'infinito. Considereremo tale questione, tenendo presente che il vantaggio che è stato ottenuto continuerà per tutta la stagione. Ed è un vantaggio molto concreto. Giusto per mettere le cose in prospettiva, qualsiasi squadra impiegha il 20% del suo tempo nello sviluppo aerodinamico di quelle parti. Non sono parti secondarie''.


TAGS: renault mercedes f1 Racing Point