Autore:
Simone Valtieri

CONCORRENZA In questi giorni sono trapelati i calendari non ufficiali dei campionati di MotoGP e Formula 1 2020, grazie alle indiscrezioni pubbli1cate da due diverse testate specialistiche. Se le date dei 22 GP di Formula 1 e dei 20 di MotoGP saranno confermate da FOM e Dorna, si andrà incontro a ben 110 sovrapposizioni nel calendario delle due categorie motoristiche che smuovono più appassionati. Ma perché i vertici della classi regine a quattro e due ruote non concordano un calendario condiviso, spartendosi le domeniche e gli appassionati, invece di togliersi audience a vicenda?

CONCOMITANZE In alcuni casi la concomitanza sarà mitigata dal fuso orario, in altri invece si creeranno discrepanze di pochi minuti, con il rischio di sovrapposizioni in caso di ritardi o incidenti. Un occhio bisognerebbe poi darlo anche ai calendari di altri sport, con eventi che attirano un pubblico numerosissimo. Quest'anno c'è stata la sovrapposizione, anche oraria, tra la finale del torneo tennistico di Wimbledon e il Gran Premio della Gran Bretagna, una beffa per tutti ma soprattutto per gli inglesi, che hanno visto concentrati in un fine settimana due tra gli eventi più amati e seguiti dal pubblico, anche generalista. 

SOVRAPPOSIZONI Tralasciando gli altri sport, nel dettaglio le dieci sovrapposizioni tra Formula 1 e MotoGP riguarderanno: Bahrain e Thailandia (22 marzo), Vietnam e 'Americhe' (5 aprile), Cina e Argentina (19 aprile), Olanda e Spagna (3 maggio), Azerbaijan e Catalunya (7 giugno), Francia e Olanda (28 giugno), Belgio e Gran Bretagna (30 agosto), Messico e Australia (25 ottobre), Stati Uniti e Malesia (1 novembre), Brasile e Comunità Valenciana (15 novembre).

LEZIONE IMPARATA La Formula E sembra invece aver imparato la lezione e dopo le il caso del mondiale 2019, in cui alcuni eventi erano in piena concomitanza con il mondiale di Formula 1 e costringevano gli appassionati delle quattro ruote a scegliere tra la visione delle qualifiche del GP (le gare di Formula E si svolgono quasi tutte al sabato) o di un ePrix, quest'anno le quattro concomitanze con tra le due categorie riguardano tutti GP con fusi orari diversi. Bahrain e Cina, Vietnam e Roma, Cina e Parigi, Olanda e Seul. 

IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA Va detto però che una disposizione di questo genere non scontenta proprio tutti. Le più felici saranno le compagne (o, perché no, i compagni) di chi segue con ardore entrambe le categorie. Saranno infatti "ben" sette nel 2020 le domeniche prive di Formula 1 e MotoGP nell'arco dei due campionati (29 marzo, 12 aprile, 26 aprile, 26 luglio, 8 novembre e 22 novembre) per cui sarà possibile organizzare una bella gita fuori porta, sempre che non ci si interessi anche di Superbike, Formula E, Endurance e Rally. In quel caso il consiglio per le/i non appassionate/i è di rassegnarsi... o cambiare partner.

Weekend Formula 1 MotoGP
08-mar   Qatar
15-mar Australia  
22-mar Bahrain Thailandia
29-mar    
05-apr Vietnam Americhe
12-apr    
19-apr Cina Argentina
26-apr    
03-mag Olanda Spagna
10-mag Spagna  
17-mag   Francia
24-mag Monaco  
31-mag   Italia
07-giu Azerbaijan Catalunya
14-giu Canada  
21-giu   Germania
28-giu Francia Olanda
05-lug Austria  
12-lug   Finlandia
19-lug Gran Bretagna  
26-lug    
02-ago Ungheria  
09-ago   Rep. Ceca
16-ago   Austria
23-ago    
30-ago Belgio Gran Bretagna
06-set Italia  
13-set   San Marino
20-set Singapore  
27-set Russia  
04-ott   Aragona
11-ott Giappone  
18-ott   Giappone
25-ott Messico Australia
01-nov Stati Uniti Malesia
08-nov    
15-nov Brasile Valencia
22-nov    
29-nov Abu Dhabi  

TAGS: f1 2020 Calendario F1 2020 MotoGP 2020 Calendario MotoGP 2020 Calendario Formula 1 2020 Date F1 2020 date MotoGP 2020 Calendario Motomondiale 2020