Pubblicato il 29/12/20

IL MIGLIORE DI TUTTI Nel giorno del settimo anniversario dell'incidente sugli sci che ha gravemente minato la salute di Michael Schumacher, è doveroso riportare l'ennesimo attestato di stima nei confronti del campione tedesco. Il nome del sette volte iridato è stato spesso chiamato in causa negli ultimi mesi, sia per il fatto che Lewis Hamilton ne sta sgretolando pian piano tutti i record sia perché il figlio Mick ha vinto il campionato di F2 e il prossimo anno esordirà in F1 al volante della Haas. Ross Brawn, che prima di diventare direttore sportivo della F1 ha lavorato sia con Schumacher (alla Benetton e alla Ferrari) sia con Hamilton (alla Mercedes) nel confronto diretto tra i due pluri iridati non ha dubbi: ''Per me, Michael è il migliore di tutti''.

UOMO SQUADRA Per motivare la sua scelta, Brawn ha ricordato in un'intervista a Speedweek.com la capacità di Schumacher di compattare il team attorno all'obiettivo da raggiungere: ''Ha giocato un ruolo fondamentale nel plasmare le squadre di Benetton e Ferrari. Ti lasci trasportare dal suo entusiasmo. Sai che non vuoi deluderlo e così fanno tutti nel team. La sua fame di successo ha motivato le persone. Mi ha insegnato una lezione importante in questo senso e mi ha mostrato come creare la giusta atmosfera in squadra''.

LA CURA DEI DETTAGLI A supporto delle parole di Brawn arrivano le considerazioni di Pat Symonds, l'ingegnere di pista di Schumacher ai tempi dei successi in Benetton: ''Abbiamo raggiunto un livello di comprensione per la quale quasi non servivano le parole, era al limte del trasferimento di pensiero. Lui è uno dei ragazzi più piacevoli che abbia mai incontrato in questo sport. Teneva davvero al suo staff e loro si facevano letteralmente a pezzi per aiutarlo''. Un'altra caratteristica del sette volte iridato ricordata con piacere da Symonds è la sua attenzione ai dettagli: ''Ci siamo davvero presi cura dei più piccoli dettagli per guadagnare un po' di tempo. Era un sogno lavorare in quel modo in termini di logica, deduzione, etica del lavoro, intelligenza e capacità di guidare una vettura così velocemente. È sempre stato fantastico''.


TAGS: schumacher f1 Brawn Symonds