Autore:
Lorenzo Centenari

DARE E AVERE Non importa quale sia la percorrenza annuale, né a bordo di quale modello essa venga stabilita. Non importa, cioè, quanta benzina bruci e quanta gomma lasci sull'asfalto. Importa, invece, che tu ricambi l'ospitalità che ti ha concesso il pianeta Terra. Sottoforma di piccoli gesti, piccoli ma in grado di contribuire a mantenere intatto il nostro ambiente. Porsche Impact, ovvero: prima inquini, poi investi nel "green", o anche viceversa. A Stoccarda fervono i preparativi per l'esordio nell'elettrico (a breve l'unveiling ufficiale di Taycan), tuttavia l'emergenza inquinamento è qui e ora. E anche una Porsche con bielle e pistoni ha il dovere di raccogliere i rifiuti prodotti, e così pulirsi anche la coscienza.

VERDE PORSCHE Già attivo in Paesi europei come Germania e Gran Bretagna (oltre che negli Usa), presto Porsche Impact sbarcherà anche in Italia. Trattasi in sostanza di un programma che converte acquisto ed utilizzo di un qualsiasi modello della Cavallina in una cifra in euro, una somma da investire in progetti ecosostenibili in giro per il mondo. Come la protezione di foreste in Sudamerica, la salvaguardia di specie protette in Africa, la diffusione di energie rinnovabili nel Sudest Asiatico. Possiedi una Cayenne base, e macini 15.000 km all'anno? La quota equivalente è di 62,70 euro ogni 12 mesi. Versando i quali neutralizzi la tua impronta di carbonio, virtualmente cancellando ogni traccia del tuo passaggio, quindi dell'inquinamento da esso generato. Si sottoscrive un contratto, e a destinare la tua offerta pensa Porsche. Emissioni di CO2 come un "bonus" da spendere. E consumare un pieno di benzina non provocherà sensi di colpa verso Madre Natura.


TAGS: porsche mobilità sostenibile carbon footprint porsche taycan porsche impact