Pirati della strada, nel primo semestre 2017 un calo dell'8,6%
Sicurezza stradale

Pirateria stradale, nel primo semestre 2017 un calo dell'8,6%


Avatar di Lorenzo Centenari , il 20/09/17

4 anni fa - I dati della Polizia Stradale. Diminuiscono anche i feriti e i morti

I dati diffusi dalla Polizia Stradale. Oltre agli episodi di pirateria, diminuiscono anche i feriti (-15,1%) e i morti (-7,7%)

PIRATI IN FUGA? Parafrasando un detto popolare, la madre del pirata è sempre incinta. Ma chissà, invecchiando, darà alla luce solo un figlio ogni tanto. Nel primo semestre 2017, a quanto pare le piraterie gravi (episodi con morti e feriti) sono infatti in calo508 casi contro i 556 dello stesso periodo del 2016 (-8,6%). I feriti sono stati 564 rispetto ai 664 del primo semestre 2016 (-15,1%), i morti 48 (23 pedoni 23 e 10 ciclisti) contro 52 (-7,7%). Ad accertarlo è l'Osservatorio Asaps, l'Associazione degli Amici della Polizia Stradale.

VEDI ANCHE



PIRATERIA ALCOLICA Il report diffuso dall'Asaps mostra inolte una decrescita delle ebbrezze registrate immediatamente dopo la fuga e l’individuazione del pirata32 test positivi, contro i 47 dello scorso anno (-31,9%). Leggermente peggio è andata a luglio, mese del quale già esistono le statistiche ufficiali, tuttavia le medie non vengono inquinate in modo significativo: il calo degli episodi (612 contro 651) rimane pur sempre del 6%, quello dei feriti (672 a 795) è del 15,5%, e sebbene di una sola unità, anche quello dei decessi, 62 vittime contro 63.

PIRATAGGIO FUORI MODA Poco più di un anno fa, l'introduzione del reato di Omicidio stradale aveva scatenato non poche polemiche. Si temeva che la nuova legge avrebbe fatto scattare centinaia e centinaia di arresti, e che di conseguenza la pirateria stradale sarebbe dilagata. Fughe di massa dopo gli incidenti, per evitare l’arresto e la revoca della patente. Ebbene, pare invece che lo spettro dell'Omicidio stradale funzioni. Possibile infatti che in molti casi l'automobilista, anziché spaventarsi e darsi alla macchia, rifletta sulle conseguenze ancor più gravi provocate dal reato di omissione di soccorso. Ancora non è chiaro se la legge n.41 del 2016 possa incidere sulla sinistrosità e sulla mortalità stradale. Ma a giudicare dai dati, l'allarme di una possibile invasione dei pirati sembra per il momento disinnescata.


Pubblicato da Lorenzo Centenari, 20/09/2017
Vedi anche
Logo MotorBox