Autore:
Luca Cereda
Pubblicato il 29/10/2015 ore 13:19

ULTIMO MIGLIO E' passata alla Camera, ora manca il “sì” del Senato. Al terzo giro di pedivella, la proposta di legge sul reato di omicidio stradale pare vedere finalmente il semaforo verde per l'entrata in vigore – si dice entro l'anno. Cosa cambia? In soldoni, pene più severe se l'omicidio colposo stradale verrà commesso nelle circostanze più gravi, ad esempio sotto effetto di droghe o in stato di ebbrezza (ma non guidando col telefonino in mano). Allo stesso modo si aggraverà la posizione di chi provoca delle lesioni o si dà alla fuga dopo aver causato un'incidente. Parallelamente, c'è in ballo poi il destino della patente. Che una persona rea di omicidio o lesioni stradali si vedrà revocata per un periodo compreso tra i 5 e 30 anni, a seconda dei casi. Vediamo le novità più nello specifico.

L'UOMO COMUNE E IL CAMIONISTA Rimane da 2 a 7 anni la pena per morte causata violando il codice della strada. Con il nuovo reato di omicidio stradale, però, la sanzione penale diventa più dura guidando in stato di ebbrezza grave (tasso alcolemico sopra gli 1,5 g/l) o drogati: da 8 a 12 anni di carcere (massimo 18 per omicidio multiplo con aggravanti). Con un tasso alcolemico tra gli 0,8 g/l e gli 1,5 g/l si rischiano invece dai 5 ai 10 anni in gattabuia. Idem, da ora, se l'omicidio stradale è frutto di gravi violazioni del Codice: passaggio con semaforo rosso, eccesso di velocità, guida contromano, sorpasso con linea continua o in corrispondenza di un attraversamento pedonale. Camionisti e conducenti di autobus avranno infine un trattamento particolare: per loro si applica l'ipotesi più grave di omicidio stradale con un tasso alcolemico sopra gli 0,8 g/l.

LESIONI Il reato meno grave – lesioni stradali – modifica le sanzioni di riflesso, sempre al rialzo. Adesso si va dai 3 ai 5 anni per le lesioni gravi e da 4 a 7 anni di carcere se si provocano alla vittima lesioni gravissime sotto effetto di alcol (sopra gli 1,5 g/l) o droghe. Sopra gli 0,8 g/l, o a seguito di manovre pericolose, la pena oscilla dall'anno e 6 mesi (minimo) ai 3 anni causando lesioni gravi, dai 2 ai 4 anni se gravissime.

MANCATO SOCCORSO Anche attorno all'omissione di soccorso cambia il quadro sanzionatorio. Va da un terzo a due terzi l'aumento di pena per omicidio e lesioni, in linea generale. Tenendo presente che a chi scappa dopo aver causato un incidente mortale spetteranno, comunque, minimo 5 anni di reclusione, 3 a fronte di lesioni. Pene dimezzate se c'è concorso di colpa da parte della vittima.

IL PEZZO DI CARTA E alla nostra patente, cosa succede? Revocata, di default, se ci arriva una condanna per omicidio o lesioni stradali. Per potersela riguadagnare, poi, dovranno trascorrere dai 5 (lesioni) ai 15 anni (omicidio). Ovviamente anche qui si contemplano delle aggravanti. L'omicidio stradale con omissione di soccorso, ad esempio, prevede 30 di revoca prima che al condannato sia concesso di rimettere piede in una scuola guida.


TAGS: patente legge codice della strada omicidio stradale omessione di soccorso lesioni omicidio colposo breaking news