Autore:
Lorenzo Centenari

CINQUE STELLE MENO UNA Nuova Peugeot 208? Un'auto sicura. Per ricevere la lode, tuttavia, le manca ancora qualche punticino. E gli ingegneri di Euro NCAP, si sa, sono tutt'altro che indulgenti. Scelta come "cavia" per l'ultima tornata di test, Peugeot 208 di nuova generazione riceve dell'Ente certificatore più autorevole d'Europa solo quattro stelle anziché cinque. Ecco perché.

QUEL POGGIATESTA La sessione di prove alle quali è stata di recente sottoposta l'utilitaria del Leone restituisce performance complessivamente molto buone. E se Peugeot 208 si ferma a 4 stelle, è solo per alcune piccole criticità. Minimo lo scarto rispetto al punteggio pieno per quanto riguarda la protezione del torace del conducente nelle prove di urto frontale pieno e laterale contro il palo. A pesare nel giudizio finale è stata la valutazione della protezione del collo dei passeggeri posteriori: penalizzata, in alcuni allestimenti, dall’assenza del terzo poggiatesta. Ottime prestazioni, invece, nella prova di urto laterale contro barriera e nella protezione dei bambini a bordo. Buone anche le valutazioni del sistema di frenata automatica (nella configurazione base, telecamera ottica senza radar), con criticità solo nel riconoscimento degli utenti vulnerabili più veloci, come i ciclisti.

L'ERBA DEL VICINO Sviscerate le ragioni per le quali nuova Peugeot 208 manca il punteggio pieno, come se la cavano le concorrenti più dirette? La nuova Renault Clio, per esempio, fresca vincitrice del premio Auto Europa 2020 ha fatto meglio portandosi a casa tutte e 5 le stelle in palio. Per quanto riguarda Opel Corsa, ai laboratori di Euro NCAP non ha ancora fatto visita. E con le berline di segmento B che sono sul mercato ormai da qualche tempo? La Volkswagen Polo (anno di nascita 2017), mostro sacro di categoria che eccelle anche lato sicurezza: per lei, il sigillo delle 5 stelle, ma una valutazione comunque inferiore alla francese al capitolato degli ausili elettronici alla guida, altrimenti detti ADAS (59% contro 71%). 5 stelle anche per Ford Fiesta (2017), che batte 208 solo grazie a una migliore protezione dei pedoni (64% a 56%). Massimo dei voti inoltre a Seat Ibiza (2017), che proprio di Polo è parente stretta.

DIO PERDONA, EURO NCAP NO Come accennato, per Euro NCAP basta un particolare storto, e le 5 stelle sfumano in un attimo. Ne sa qualcosa Citroen C3 (2017), 4 stelle a causa di punteggi non eccellenti in materia di impatto coi pedoni e assistenti di guida elettronici. Idem Nissan Micra (2017), che le 5 stelle in realtà le conquista, ma solo in caso di equipaggiamento completo di Safety Pack. In allestimento base, solo 4 stelle. Ancor più severo, infine, il giudizio su Suzuki Swift: 4 stelle con Safety Pack, 3 stelle senza. Sulla sicurezza non si scherza.


TAGS: crash test euroncap utilitarie peugeot 208 2019 sicurezza passiva