Mercedes e la sicurezza in auto: 50 anni di successi
Sicurezza

Mercedes e la sicurezza in auto: mezzo secolo di successi


Avatar di Alessandro Perelli , il 22/10/21

1 mese fa - Mercedes festeggia 50 anni di ricerca per la sicurezza delle sue auto

La casa tedesca celebra il 50° anniversario dalla nascita del suo primo veicolo sperimentale per lo studio della sicurezza su strada

SICUREZZA SOTTOVALUTATA NEGLI ANNI ’60 La sicurezza dei passeggeri a bordo di un veicolo è un tema di vitale importanza oggi, come ieri, come lo sarà in futuro. Soprattutto con l’avvento dei sistemi di guida autonoma la necessità di proteggere gli occupanti, ma anche tutti gli utenti della strada assume contorni di vitale importanza. Un argomento che all’esordio dell’automobilismo moderno, negli anni ’60, era meno importante rispetto ad altre tematiche come il design, il piacere di guida o il comfort. Infatti, nella progettazione delle automobili di quei tempi la componente sicurezza passava quasi in secondo piano. Ciò, combinato con un numero sempre maggiore di auto per le strade e standard normativi indulgenti, ha fatto sì che le morti per incidenti stradali aumentassero precipitosamente. Per esempio, nel 1970, nella sola Germania occidentale, 19.193 persone persero la vita sulla strada, il numero più alto mai registrato nel Paese. In altre parti del mondo, in particolare negli Stati Uniti, sono stati stabiliti record simili, portando il Dipartimento dei Trasporti (DOT) a lanciare un programma sperimentale per la sicurezza dei veicoli. Il DOT voleva che il suo programma diventasse internazionale e così nel 1970 fu fondato il Comitato Europeo per la Sicurezza Potenziata dei Veicoli (EEVC). Questa nuova organizzazione, con la quale Mercedes ha partecipato fin dall'inizio, fu incaricata di produrre i propri modelli sperimentali di sicurezza (ESV).

Sicurezza stradale Mercedes: il prototipo ESF 05 durante i test Sicurezza stradale Mercedes: il prototipo ESF 05 durante i test

VEDI ANCHE



ESORDIO MERCEDES NEL 1971 Il primo veicolo Mercedes prodotto nell'ambito del programma è stato l'ESF 05, presentato alla seconda conferenza ESV a Sindelfingen, in Germania, alla fine ottobre 1971. Basato sulla serie W 114 del costruttore tedesco, il prototipo presentava un numero di innovazioni per la sicurezza che non sarebbero state prodotte in serie per anni. Secondo i requisiti EEVC, l'ESF 05 fu sottoposto a impatti anteriori e posteriori a 80 km/h e urti laterali con un palo alla velocità di 20 km/h. Doveva anche essere in grado di resistere a un piccolo incidente a velocità fino a 16 km/h senza subire deformazioni permanenti. Per resistere ai requisiti di impatto, la struttura della scocca fu rinforzata nella parte anteriore e laterale. Il passo è stato allungato di 100 mm e l'anteriore di ben 370 mm. Sotto il cofano era alloggiato un compatto motore V6 per guadagnare spazio utile in caso di grosse deformazioni e la plancia era realizzata in lamiera antiurto e ricoperta da un'imbottitura in poliuretano espanso. Mercedes ha anche equipaggiato l'ESF 05 con cinture di sicurezza a tre punti, airbag per guidatore e passeggero anteriore, nonché negli schienali dei sedili anteriori per proteggere i passeggeri posteriori. Per ridurre ulteriormente i rischi, il prototipo ESF 05 fu dotato di lavafari e ABSCome risultato di tutti i miglioramenti, l'auto finì per essere 655 mm più lunga e pesare 655 kg in più rispetto alla W 114 standard.

Sicurezza stradale Mercedes: la plancia rivestita in poliuretano espanso e il volante con airbag Sicurezza stradale Mercedes: la plancia rivestita in poliuretano espanso e il volante con airbag

IN 50 ANNI 35 PROTOTIPI PER LE ANALISI Da allora, Mercedes ha prodotto un totale di 35 veicoli per il programma EEVC. Con il passare degli anni le regole sono diventate molto più rigide e i sistemi di sicurezza molto sofisticati, ma anche i problemi legati alla sicurezza si sono moltiplicati. L'ultimo muletto ESF 2019 di Mercedes si è concentrato sulla sicurezza dei dispositivi elettrici e delle batterie. E poiché le case automobilistiche lavorano sempre più alla creazione di auto autonome, sarà necessario rispondere a nuove domande per il futuro come, ad esempio, rendere sicura un'auto quando il conducente è reclinato o, addirittura, disteso, come è stato proposto a bordo di alcuni concept a guida autonoma. Sebbene sia un processo in continua evoluzione, quello legato alla sicurezza è stato e sarà innegabilmente un tema di vitale importanza, che non potrà avere termine. Secondo la casa di Stoccarda, solo 2.719 persone hanno perso la vita sulle strade tedesche lo scorso anno, il che rappresenta ben 16.474 individui in meno di 50 anni fa in quella che era la Germania occidentale. Come è doveroso per un prototipo di tale importanza storica, l'ESF 05 è esposta presso il Museo Mercedes-Benz.


Pubblicato da Alessandro Perelli, 22/10/2021
Tags
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox