DUE PESI, DUE MISURE Un punteggio di 3 stelle è il riconoscimento massimo se sei un ristorante, e se ad assegnarle è la celebre Guida Michelin. Meno lusinghiero, come risultato, se la giuria è quella di Euro NCAP, ed i criteri di giudizio sono quelli relativi alla sicurezza. All'ultima tornata di crash test, Jeep Renegade riceve solo 3 stelle su 5. A raddrizzare l'immagine del Suv compatto made in Italy c'è tuttavia un'altra campana: la statunitense IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) lo etichetta del "Top Safety Pick", ed è un titolone. Come mai tale disparità di trattamento?

Jeep Renegade 2019, solo 3 stelle Euro NCAP. Ma...

EURO NCAP SENZA FRENI Iniziamo dal voto severo di Euro NCAP. In realtà l'Ente certificatore con sede in Lussemburgo valuta molto positivamente sia il grado di protezione degli adulti in caso di impatto (rating dell'82%), sia quello dedicato ai passeggeri in tenera età: protezione dei bambini dell'84%. A penalizzare Renegade sono semmai le altre due aree prese in esame, ovvero la sicurezza dei pedoni (55%) e la completezza dei sistemi elettronici di assistenza alla guida (58%), meglio noti come ADAS. L'equipaggiamento di serie è in sostanza privo della frenata automatica di emergenza, e oggi i test assegnano a questa funzione un'importanza primaria. 

QUALE RENEGADE? La discrepanza col punteggio conquistato in Usa è motivato dalla differenza di versioni prese in considerazione. A ricevere il Top Safety Pick sarebbero infatti soltanto gli esemplari equipaggiati di frenata di emergenza e di fari a LED con abbaglianti adattivi, due sistemi elettronici entrambi valutati come molto efficaci. Tutto dipende, in definitiva, dall'allestimento e gli optional di bordo, discriminanti sulle quali Euro NCAP è oggi intransigente. Nondimeno, svolti di qua di là dell'Atlantico, i crash test mostrano com Renegade sia un Suv sicuro. Allarme rientrato.


TAGS: crash test euro ncap jeep renegade iihs