Gruppo Volkswagen: il cargo incendiato è affondato
Notizie

Domato l'incendio: il cargo Volkswagen in fiamme è... affondato


Avatar di Dario Paolo Botta , il 01/03/22

2 mesi fa - Gruppo Volkswagen: nell'Atlantico va a fuoco un cargo pieno di auto

Un mercantile pieno di supercar prende fuoco a poche miglia dalle Azzorre. L'equipaggio è salvo, ma ora è tempo di stimare i danni

L'ultima notizia è che l'incendio della Felicity Ace è stato - per così dire - domato: il cargo che trasportava migliaia di auto del Gruppo Volkswagen, tra cui molte Porsche e Lamborghini,  è infatti affondato nella mattinata di martedì 1 marzo 2022. Si trattava di una nave cargo lunga 200 metri costruita nel 2005: nella sua stiva poteva accogliere fino a 4.000 auto. Lo scorso 10 febbraio l’imbarcazione aveva lasciato il porto tedesco di Emden dirigendosi verso Davisville, Rhode Island (Stati Uniti), dove avrebbe dovuto attraccare il prossimo 23 febbraio. Durante la traversata dell’Atlantico però - a poche miglia di distanza dalle isole Azzorre - nella stiva di questo gigante è divampato un incendio.

Il cargo Felicity Ace alla deriva in mezzo all'Atlantico Il cargo Felicity Ace alla deriva in mezzo all'Atlantico

NELLE PUNTATE PRECEDENTI Le autorità della Marina portoghese, giunte dall’isola di Faial (Azzorre) per domare le fiamme avevano riportato che nell’operazione di salvataggio erano coinvolte anche quattro navi mercantili, oltre alla motovedetta della guardia costiera. Al momento non si conoscono le cause che hanno dato origine al rogo. ''Siamo a conoscenza di un incidente avvenuto a bordo della Felicity Ace, una nave mercantile specializzata nel trasporto veicoli […] La tua concessionaria ti fornirà presto informazioni aggiuntive riguardo alle conseguenze sul tuo ordine'', ha comunicato Porsche ai propri clienti sul portale Track Your Dream, utilizzato dagli acquirenti per monitorare l'avanzamento del proprio ordine.

La posizione del cargo Felicity Ace La posizione del cargo Felicity Ace

VEDI ANCHE



ALLA DERIVA Inoltre, in un comunicato pubblicato mercoledì scorso, Porsche avrebbe dichiarato: ''I nostri pensieri vanno ai 22 membri dell'equipaggio della Felicity Ace. Fortunatamente, grazie al tempestivo intervento della Marina portoghese per domare l’incendio, sono tutti sani e salvi. Sappiamo che alcune delle nostre auto erano a bordo della nave. Al momento non conosciamo però i dettagli dei modelli coinvolti. Rimaniamo comunque in contatto con la compagnia di navigazione''. A stretto giro è arrivata anche la conferma del coinvolgimento di modelli Volkswagen: ''Siamo a conoscenza di un grave incidente avvenuto a bordo di una nave mercantile che trasportava nostre auto attraverso l’Atlantico''. Come anticipato non è ancora chiaro quali modelli trasportasse Felicity Ace.

PREPARATI AL PEGGIO Ironia a parte, non è stato l'affondamento della nave a spegnere le fiamme, ma i vigili del fuoco. La nave era stata evacuata e fortunatamente non si sono registrate fuoriuscite di combustibile e inquinanti. Automotive News riportava che le squadre di soccorso hanno ricevuto il via libera per salire a bordo e valutare i danni. I primi rapporti non sono sembrati però molto incoraggianti: ''Temiamo che l'incendio abbia danneggiato la quasi totalità dei 4.000 veicoli imbarcati. Putroppo queste auto non potranno più essere consegnati ai clienti'', aveva dichiarato la Casa automobilistica tedesca. 

Il cargo Felicity Ace Il cargo Felicity Ace

SOCCORSI COMPLESSI I veicoli stoccati nella stiva erano modelli davvero esclusivi: Porsche 718 Cayman GT4 RS, gli ultimi esemplari di Lamborghini Aventador, Bentley e Audi. Secondo alcune indiscrezioni, il rogo potrebbe costare al Gruppo Volkswagen svariate centinaia di milioni di dollari; Lamborghini ha già dichiarato di essersi preparata al peggio. Negli ultimi giorni inoltre, Sant'Agata Bolognese ha contattato i fornitori per valutare la possibilità di ottenere parti sostitutive per i veicoli danneggiati: una scelta disperata che alla luce degli ultimi avvenimenti non sarà comunque possibile. L'incendio è stato aggravato dalle condizioni agitate del mare, che hanno complicato l'intervento dei vigili del fuoco, preoccupati inoltre per la presenza sottocoperta di veicoli elettrici (non ancora accertata). I rimorchiatori hanno inondato la nave di liquidi estinguenti per ore, consentendo così alle forze di soccorso di salire finalmente a bordo. L'affondamento, del tutto imprevisto, ha concluso la vicenda. 


Pubblicato da Dario Paolo Botta, 01/03/2022
Tags
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox