Singer Turbo Study: il restomod che ricrea la Porsche 930 Turbo
Restomod

L'iconica Porsche 930 Turbo reinventata da Singer è da paura!


Avatar di Emanuele Colombo , il 09/02/22

3 mesi fa - Singer propone un restomod che ricrea la Porsche 930 Turbo

Singer Turbo Study è un restomod per le Porsche raffreddate ad aria che richiama le iconiche 930 Turbo: rifatte su misura

Tra tutte le Cavalline di Stoccarda, la più iconica è probabilmente la Porsche 930 Turbo: la prima 911 ad adottare la sovralimentazione e la prima a indossare il caratteristico alettone a coda di balena su un posteriore allargato come non si era mai visto. Dotata di un cambio manuale con sole 4 marce, era la prima supercar della Casa di Stoccarda: un modello tanto ammirato quanto difficile da guidare. Il mito era nato e ora la californiana Singer, un atelier specializzato in preziosissimi restomod delle Porsche classiche, ha completato lo studio per creare un tributo alla 930 Turbo, mantenendo il motore raffreddato ad aria, ma alzando l'asticella delle prestazioni (e non di poco).

Singer Turbo Study, il motore flat six da 450 CV deriva da quello della serie 964 Singer Turbo Study, il motore flat six da 450 CV deriva da quello della serie 964

LE CARATTERISTICHE Come tutte le Singer, anche la Porsche 911 Turbo è fatta su misura, quindi l'esemplare che vedete nelle foto rispecchia il desiderio di lusso e di prestazioni richieste dal committente. In particolare, la carrozzeria è in fibra di carbonio verniciata nella tinta Wolf Blue. Il motore 6 cilindri boxer raffreddato ad aria deriva dalle Porsche serie 964. Ha una cilindrata di 3,8 litri e una sovralimentazione biturbo (laddove la 930 originale aveva una turbina singola) con intercooler aria-acqua che respira attraverso le inedite prese d'aria sul parafango: laddove la 930 aveva la caratteristica decorazione a pinna di squalo.

VEDI ANCHE



Singer Turbo Study, la plancia Singer Turbo Study, la plancia

POTENZA E  INTERNI La potenza di questo specifico esemplare supera i 450 CV, ma in funzione dei desideri del cliente ci si può spingere più in alto. Il cambio è manuale a 6 marce e la trazione è posteriore, ma a richiesta si può avere anche la trazione integrale. L'assetto non è votato ai track day, bensì all'uso turistico, nonostante ciò l'impianto frenante adotta dischi carboceramici. Gli interni? Un salotto, in colore Malibu Sand con finiture in legno della Foresta Nera. Non mancano aria condizionata e sedili elettrici riscaldati. Tra le opzioni ci sono ABS, controllo di trazione e cruise control. I prezzi dei restomod Studio Turbo dipendono dalle specifiche richieste dal proprietario dell'auto.


Pubblicato da Emanuele Colombo, 09/02/2022
Tags
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox