Autore:
Lorenzo Centenari

URAGANO UBER A memoria d'uomo, nessun altro fenomeno ha mai scosso dalle fondamenta il settore del trasporto persone quanto stia facendo oggi Uber. Sharing economy, il nuovo che avanza. E il sistema tradizionale a fargli la guerra. Talvolta, con successo. Come accaduto per la querelle tra Uber Pop e un'associazione di tassisti di Barcellona, che dalla Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha ottenuto la risposta che sperava. Per la Corte Ue, Uber non rientra tra i servizi di libera prestazione o di commercio elettronico, bensì tra i servizi di trasporto pubblico. E in quanto tale, va regolamentato.

E-TRANSPORT La sentenza emanata dai giudici del Lussemburgo parla chiaro: la funzione Uber di intermediazione via app tra utenti e autisti non professionisti (in particolare il servizio Uber Pop, che mette in contatto i privati e si fonda su un principio simile a quello del car pooling) va esclusa dal regolamento Ue sui servizi di mercato intero o di commercio digitale, poiché oltre a mettere in comunicazione le parti, essa crea un'offerta di trasporto urbano concorrenziale a quella ufficiale. Pertanto, Uber rientra a pieno titolo nel settore dei servizi di trasporto non collettivo: compito dei singoli Stati membri disciplinarne l'attività, sempre nel rispetto delle norme comunitarie. 

TUTTO COME PRIMA Cosa cambia, quindi? Poco o nulla, a quanto pare. Da San Francisco sostengono infatti come la sentenza della Corte Ue "non comporterà cambiamenti nella maggior parte dei Paesi europei dove già Uber è presente, e nei quali opera nel rispetto della locale legge sui trasporti". Il gigante del car hailing si dice tuttavia d'accordo a inaugurare un sistema comune di regolamentazione: "Milioni di cittadini europei - affermano da Uber - ancora non possono accedere ad app come la nostra. È arrivato il momento di disciplinare ufficialmente anche servizi come Uber: proprio per questo, continueremo il dialogo con le città di tutta Europa, con l'obiettivo di garantire a tutti un servizio semplice e affidabile".


TAGS: uber taxi uber pop Uber app Uber tariffe Uber Corte Ue Uber servizio di trasporto Uber commercio elettronico Uber taxisti barcellona Uber sentenza Uber driver Uber come funziona Uber licenza Uber cos'è Uber come diventare autista Uber in Italia Uber quanto si guadagna