Benzina e diesel: carburanti rinnovabili vs auto elettriche
Editoriale

L'alternativa alle auto elettriche


Avatar di Emanuele Colombo , il 18/10/21

1 mese fa - Dalle competizioni arrivano carburanti sostenibili alternativi agli EV

La mobilità sostenibile si fa solo con le auto elettriche? C'è chi crede di no e sperimenta carburanti sintetici rinnovabili

Da un lato i carburanti tradizionali che aumentano di prezzo, con addirittura il metano che sfonda il muro dei due euro al chilo; dall'altro l'auto elettrica, da molti vista come la panacea di tutti i mali in tema di emissioni e inquinamento. Vera o falsa che sia quest'ultima diffusa credenza, l'elettrificazione totale sembra destinata a prendere il sopravvento su benzina e diesel, condannando a un prossimo oblio i motori tradizionali. Ma con sempre maggiore insistenza spuntano proposte per mantenere in servizio le vecchie glorie, partendo dalle esperienze nel motorsport.

Prodrive Hunter T1+, la sperimentazione sui carburanti rinnovabili passa per il motorsport Prodrive Hunter T1+, la sperimentazione sui carburanti rinnovabili passa per il motorsport

PER UNA DAKAR PIÙ SOSTENIBILE L'ultima a dire la sua è la Prodrive, team inglese di primissimo piano che ha dichiarato di voler prendere parte al prossimo Dakar rally alimentando le sue auto con combustibili sostenibili: adatti per sostituire direttamente i combustibili fossili anche nei veicoli di serie. Prodrive ha infatti investito gli ultimi otto mesi per sviluppare Prodrive ECOpower, un carburante sintetico messo a punto in collaborazione con la connazionale Coryton Advanced Fuels. I componenti principali sono ''biocarburanti di seconda generazione'', prodotti a partire da scarti agricoli, ed e-fuel sintetici ottenuti catturando carbonio dall'atmosfera. L'utilizzo dell'ECOpower ridurrebbe le emissioni di gas serra dell'80% rispetto alla benzina equivalente, dice il team britannico.

Prodrive ECOpower è un combustibile rinnovabile fatto miscelando biocarburanti ed e-fuel Prodrive ECOpower è un combustibile rinnovabile fatto miscelando biocarburanti ed e-fuel

SOLO GREEN WASHING? Una promessa realistica o stanno solo facendo quello che ultimamente si sente chiamare ''green washing'', ossia ambientalismo di facciata? Un interessante articolo dell'International Council on Clean Transportation (ICCT) è molto critico nei confronti dei carburanti sintetici. L'obiezione principale è che il processo per ottenerli è poco efficiente e spreca circa metà dell'energia rispetto a quella che si riesce effettivamente a immagazzinare nei combustibili prodotti. Inoltre è un processo dispendioso e non ci sarebbero elementi per sostenere che il costo del prodotto finale possa diventare in pochi anni competitivo, come credono le aziende coinvolte.

VEDI ANCHE



Bosch: una Volkswagen Golf impegnata nei test RDE con un analizzatore portatile di emissioni PEMS Bosch: una Volkswagen Golf impegnata nei test RDE con un analizzatore portatile di emissioni PEMS

CI CREDONO IN MOLTI Vero è che se ci fossimo basati sui costi e sull'efficienza delle prime batterie, l'auto elettrica sarebbe rimasta un fossile nella storia dell'automobile. Invece investimenti e ricerca le hanno aperto nuove chance. Prodrive non è né la prima né l'ultima a voler percorrere la strada dei carburanti sostenibili. A investire sul tema ci sono attori di primissimo piano: da Porsche alla Ducati, dalla Bosch fino allo stesso Circus della Formula 1. Prodotti con l'aiuto di energia rinnovabile, i carburanti sintetici sono rinnovabili anch'essi e ''possono rendere i motori a combustione neutri dal punto di vista della CO2'', dice Bosch (qui l'articolo in cui ne parlo), secondo cui ''oltre al vantaggio della riduzione delle emissioni, i carburanti sintetici consentono di ridurre praticamente a zero la produzione di fuliggine, con conseguente taglio dei costi delle tecnologie di trattamento dei gas di scarico''.

La F1 presenta la benzina del futuro La F1 presenta la benzina del futuro

IL MOTORSPORT ATTACCA O DIFENDE? Visto che però, per il momento, il costo dei carburanti sintetici è elevatissimo, i primi a sperimentarlo sono i team e le aziende impegnate nel motorsport. ''Sono convinto che il motorsport debba assumere un ruolo guida nello sviluppo, nella prova e nella promozione di nuove tecnologie che possono aiutare ad affrontare il cambiamento climatico'', dice David Richards, presidente di Prodrive. ''Coprendo migliaia di miglia attraverso i terreni più difficili, la Dakar e il campionato mondiale Rally Cross Country FIA sono il contesto perfetto per mostrare i vantaggi della prossima generazione di combustibili sostenibili e dimostrare che possono essere utilizzati nei veicoli stradali per ridurre l'uso di combustibili fossili, pur offrendo le stesse prestazioni e la stessa autonomia''.

Porsche efuel: sarà collaudato nel campionato monomarca GT3 Cup 2021 e 2022 Porsche efuel: sarà collaudato nel campionato monomarca GT3 Cup 2021 e 2022

ALCUNI DEI BIG IN PARTITA Come Prodrive, anche Porsche sta collaudando un suo carburante sintetico nel campionato monomarca GT3 Cup. E solo una settimana fa Liberty Media, che detiene i diritti della Formula 1, ha annunciato l'arrivo di una benzina sintetica che ridurrà almeno del 65% l’anidride carbonica prodotta attualmente dalle power unit e ha il potenziale per ripulire i gas di scarico dei motori in tutti quei settori che faticano a convertirsi all’elettrico, come il trasporto aereo e navale. Solo una soluzione ponte verso il rinnovamento dei trasporti o la strenua difesa dello status quo? Molto sensibile al tema è anche Ducati, secondo cui una moto 100% elettrica non sarebbe in grado di garantire - attualmente - il piacere, l'autonomia, il peso e le aspettative di una Ducati. Ed essendo parte del gruppo Audi, proprio come Porsche, anche la Casa di Borgo Panigale starebbe lavorando ad altre soluzioni per ridurre o azzerare le emissioni: tra cui il famoso carburante sintetico.

Bosch: le soluzioni per ridurre le emissioni di CO2 Bosch: le soluzioni per ridurre le emissioni di CO2

A MONTE IL PROBLEMA PIÙ GRAVE Insomma, ferme restando le obiezioni di fondo, anche su questo fronte le ricerche vanno avanti e gli investimenti non mancano. A monte, però, c'è un discorso molto più ampio che condiziona tutte le valutazioni successive: il nocciolo della questione è che tutte le attività umane richiedono energia e questa energia va prodotta in qualche modo. Niente è a zero emissioni e la pretesa che un veicolo possa esserlo è ancora più irrealistica se per costruirlo e farlo funzionare si impiega energia non rinnovabile. E al di la delle dichiarazioni di chi è parte in commedia, solo una piccola percentuale dell'energia mondiale proviene da fonti rinnovabili: appena il 17% di quella impiegata dagli utenti finali, stando ai dati del report Renewables 2021 (che potete scaricare in pdf in fondo all'articolo). Finché l'energia di partenza non è pulita, qualunque cosa ci facciamo impatta sul clima: a maggior ragione se ce ne vuole tanta, come in tutti quei progetti che comportano enormi cambiamenti a industria e infrastrutture. Il difficile, con tanti interessi contrastanti in ballo, è capire dove stia il confine tra spreco e investimento. 

Allegato Dimensione
Renewables 2021 Global Status Report 13278 Kb

Pubblicato da Emanuele Colombo, 18/10/2021
Tags
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox