Salone di Padova 2019

Mercedes alla Fiera di Padova: la storia della station wagon


Avatar di Giulia Fermani , il 30/10/19

3 anni fa - Mercedes, dal Modello T alla Shooting Brake: ne parla Eugenio Blasetti

Salone Auto e Moto d'Epoca: Eugenio Blasetti racconta la storia della station wagon Mercedes, dal Modello T alla Shooting Brake

LA STORIA DELLA STATION MERCEDES Grande riferimento per gli appassionati di classic di tutta Italia, dal 24 al 27 ottobre torna la Fiera Auto e Moto d’Epoca, anche nota come Salone di Padova 2019. Per la Casa di Stoccarda è presente il Mercedes-Benz Registro Italia, che mette in scena la storia della station wagon, dal Modello T del 1977 alla Shooting Brake. Ne parliamo in video con Eugenio Blasetti, Press Relation Manager Mercedes-Benz Italia.

DIMMI CHE AUTO GUIDI, TI DIRÒ CHI SEI Il 1977 ha visto il debutto del Modello T, nato con la sigla costruttiva S123: era la prima station wagon di nuova concezione. La station, secondo Mercedes, non era più un'auto da lavoro o una seconda auto di famiglia, quella comodona per portare a spasso i figli, ma un vero e proprio status symbol. Symbol, in particolare, di una vita agiata e dinamica. In tempi più recenti, con la nuova CLA Shooting Brake, Mercedes ha compiuto un’altra provocazione, mescolando i tratti stilistici delle Station Wagon con gli elementi estetici tipici delle sue coupé. 

VEDI ANCHE



NON SOLO STATION Il Salone di Padova non vede solo ripercorrere la storia della station wagon, ma è anche l'occasione per portare in scena alcune auto davvero speciali. Tra queste, la Mercedes 300S Cabriolet disegnata da Pininfarina (unica Mercedes disegnata da Pininfarina) e la bellissima 300 SL ‘Cubana’ che, nella foto qui sopra, vedete impegnata nella Coppa Milano Sanremo. Alla Fiera c'è anche un'auto con una storia da cinema: recuperata da un appassionato nei sobborghi dell’Avana, non potendo essere esportata a causa delle leggi cubane, è stata smantellata e spedita sotto la dicitura "pezzi di ricambio" in Europa, dove è stata riassemblata e riportata all’originario splendore. 


Pubblicato da Giulia Fermani, 30/10/2019
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox