Subaru Forester FUCKS Edition, è al Salone di Singapore 2020
Serie speciali

Forester F.U.C.K.S. Edition, Subaru si scusa: "Un equivoco"


Avatar di Lorenzo Centenari , il 13/01/20

1 anno fa - Al Salone di Singapore, una Forester speciale e dal nomignolo...curioso

Al Salone di Singapore, una Forester speciale e dal nomignolo...curioso. Una coincidenza, quella sigla? Subaru prende le distanze

VIETATO AI MINORI Siamo soliti guardare ai nostri amici giapponesi come alle persone più civili ed educate che il pianeta Terra mai abbia ospitato. Poi Subaru se ne salta fuori con un'edizione della Forester che il proverbiale galateo dagli occhi a mandorla lo mette totalmente in discussione. Forester Ultimate Customized Kit Special edition: abbrevviato, FUCKS (edition). Che sia solo un caso, non se lo beve nemmeno il coniglietto credulone. In mostra al Singapore Motorshow 2020, una Forester speciale nell'allestimento, e soprattutto in vena di...doppi sensi. Subaru in realtà si dissocia apertamente: l'iniziativa sarebbe infatti del distributore indipendente della città stato asiatica, non della Casa madre.

Subaru F.U.C.K.S. edition, una Forester protetta da...censura Subaru F.U.C.K.S. edition, una Forester protetta da...censura

VEDI ANCHE



ABBAGLIANTE Spiritosi (e volgarotti) giochi di parole a parte, Forester FUCKS (così viene più semplice) consiste in effetti in un'elaborazione davvero inedita, per lo storico crossover delle Pleiadi. Verniciata nell'emozionante Blu Subaru, la carrozzeria è inoltre attraversata per il lungo dalle strisce rosse che colorano i bordi del cofano e la linea di cintura laterale, oltre a spoiler anteriore e profili bassi delle porte. Completano il suo look psichedelico l'alettone al tetto, i cerchi da 20 pollici e le pinze freno in tinta gialla. 

Subaru Forester FUCKS, gli interni Subaru Forester FUCKS, gli interni

JAPAN HUMOUR I critalli sono rigorosamente scuri, per conoscere gli interni è necessario aprire la portiera. Come prevedibile, la sobrietà abbandona anche l'abitacolo, dominato da rivestimenti in pelle e Alcantara, e da un'inequivocabile pedaliera in alluminio. Il motore? Non si sa, probabilmente il solito 2 litri 4 cilindri boxer aspirato (sigh), accoppiato al cambio Lineartronic (sigh). Da Forester FUCKS (per senso del pudore, non la nominiamo più), Subaru prende nettamente le distanze: ''Un'idea infelice del distributore locale, ci scusiamo per l'equivoco''. A Singapore trova ancora ufficialmente posto nello stand del marchio, ma quel nome è stato prontamente cancellato. E qualcuno, forse, è stato licenziato.


Pubblicato da Lorenzo Centenari, 13/01/2020

Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox