Pubblicato il 11/06/21

QUANTO TEMPO! Sembra ieri, ma il primo Transporter T1 è uscito dalle fabbriche Volkswagen nel 1949, ormai più di settant’anni fa. Il furgone tedesco, che ha conosciuto il massimo della sua popolarità negli anni Sessanta (e negli anni Ottanta, per la breve ma indimenticabile apparizione in Ritorno al Futuro, guidato dai terroristi libici), si prepara al debutto della settima generazione. E le novità sono davvero tante.

COM’È FATTO FUORI

Per la prima volta il nuovo Multivan è realizzato sul pianale modulare MQB su cui poggiano la maggior parte delle auto del gruppo Volkswagen, da Audi A1 a Skoda Karoq, passando per Seat Leon e Volkswagen Passat. Questa scelta ha permesso l’introduzione del sistema ibrido plug-in, di cui parliamo in maggior dettaglio più avanti. Il frontale presenta, come nei modelli Vokswagen più recenti, una firma luminosa che attraversa la calandra e congiunge le ludi diurne (a LED di serie, a matrice di LED su richiesta) dei gruppi ottici anteriori.

Nuovo Volkswagen Multivan: visuale frontale

DIMENSIONI Il nuovo Volkswagen Multivan è largo 1.941 mm (37 mm in più rispetto al Multivan 6.1) senza specchietti, è lungo 4.973 mm (+69 mm) e alto 1.903 mm (47 mm in meno). Aumenta considerevolmente il passo, di 3.124 mm (+124 mm). Di tutto rispetto - almeno per un van - il coefficiente aerodinamico Cx di 0,3.

ANCHE BICOLORE Su richiesta la fascia cromata che divide in due la carrozzeria, come nei primi modelli del Bulli, un effetto ulteriormente rafforzato dalla verniciatura bicolore, anch’essa su richiesta. Inedito, almeno per questo modello, il vistoso spoiler posteriore, parzialmente verniciato nel colore della carrozzeria, con alette frangivento che migliorano l’aerodinamica complessiva. Nuovi i gruppi ottici posteriori a sviluppo orizzontale, con sottili profili cromati nella parte superiore, elemento ripreso anche dalla parte bassa del portellone. Bassa la soglia di carico, a 58 cm dal suolo.

LE NOVITÀ IN ABITACOLO

Dalla terza generazione in poi, il Bulli è sempre stato un campione di versatilità: multispazio per le famiglie, veicolo per traslochi, mezzo per appassionati di hobby ingombranti, e perfino camper con tanto di posti letto. In questa nuova incarnazione Multivan si propone come il più versatile mai realizzato. La plancia è moderna e lineare, e realizzata con materiali morbidi al tatto. Basta un colpo d’occhio per ritrovare molti degli elementi visti sulle ultime Volkswagen, a cominciare dal grande cruscotto digitale dal 10.25” dietro il volante a tre razze.

Nuovo Volkswagen Multivan: i nuovi interni

ARIA DI FAMIGLIA Sotto lo schermo touchscreen dell’infotainment da 10” si trovano i comandi tattili per la gestione del climatizzatore. Tra i due schermi digitali, a destra del volante, si trova il minuscolo comando shift-by-wire (che trasmette i comandi al motore senza ingranaggi) del cambio a doppia frizione, mentre a sinistra c’è la classica “piastra” VW per la gestione delle luci. Il freno a mano elettronico si trova nella parte centrale della console, accanto a due prese USB-C e la piastra per la ricarica wireless degli smartphone (a richiesta). 

FLEX Gli interni sono quelli che ci aspetta da una vettura di questo genere, concepiti per offrire il massimo della flessibilità e della comodità, soprattutto nei lunghi viaggi in famiglia: poltrone singole e asportabili, schienali ripiegabili in avanti e tavolini richiudibili. Nuovo il mobile centrale (con tavolini richiudibili) con portabicchieri che scorre su un binario e che può essere utilizzato tanto da chi sta davanti quanto da chi sta dietro. Su richiesta un luminoso tetto panoramico diviso in due parti.

SICUREZZA E TECNOLOGIA A BORDO

Nuovo Volkswagen Multivan: la seconda fila di sedili col tavolino scorrevole

Di serie per tutti i modelli l’impianto di infotainment Ready 2 Discover, che dispone di una SIM integrata per le chiamate di emergenza e una serie di servizi connessi: alcuni gratuiti, come la localizzazione del furgone tramite app, altri a pagamento dopo i primi tre anni, come il controllo delle portiere e del climatizzatore da remoto, o l’aggiornamento delle mappe e del traffico in tempo reale.

OPTIONAL DI PREGIO Su richiesta la vista a 360° attorno al veicolo, ideale per parcheggiare con facilità un mezzo dalle dimensioni non propriamente cittadine. Optional anche l’head-up display, volendo anche nella più ricca versione con realtà aumentata. Gli audiofili potranno godere dell’impianto stereo optional Harman Kardon, composto da quattordici altoparlanti e potenza massima di 840 watt; tra le quattro impostazioni audio, quella che utilizza l’algoritmo Fraunhofer Sonamic Panorama, che separa le singole sorgenti di una registrazione stereo e le distribuisce in modo uniforme, come su un palcoscenico.

ADAS Sul fronte della sicurezza il nuovo Multivan offre di serie il controllo perimetrale Front Assist con funzione di frenata di emergenza City, l’assistente alle manovre di scarto con un nuovo sistema di assistenza alla svolta, il riconoscimento della segnaletica stradale e il sistema per il mantenimento della corsia Lane Assist. Su richiesta il sistema di prevenzione delle sbandate per il vento laterale e l’assistente di uscita che, all’apertura delle porte, avvisa se si stanno avvicinando da dietro biciclette o veicoli. Debutta inoltre il sistema IQ.Drive Travel Assist, che consente la guida assistita di livello 2 fino a 210 km/h sfruttando il cruise control adattivo e il mantenimento attivo della corsia di marcia. 

Nuovo Volkswagen Multivan: sedili pieghevoli

SONO TUTTI QUI Ecco l’elenco completo degli ADAS di Volkwagen Multivan:

  • ACC con funzione Stop & Go
  • Area View (visione a 360 gradi dell’area circostante mediante quattro telecamere)
  • Assistenza all’uscita dal parcheggio incluso assistente alla svolta
  • Sistema di assistenza nelle partenze in salita
  • Car2X (sistema di comunicazione tra veicoli)
  • Emergency Assist (frenata assistita fino al completo arresto in caso di emergenza)
  • ESC con ABS, ASR, EDS
  • Protezione delle fiancate
  • FrontAssist, con funzione di frenata di emergenza City
  • Cruise control con SpeedLimiter
  • IQ.DRIVE TravelAssist (guida assistita di livello 2)
  • Lane Assist (assistenza per il mantenimento della corsia)
  • Light Assist (sistemi di regolazione automatica delle luci abbaglianti)
  • Sistema di riconoscimento della stanchezza del conducente
  • Frenata anti collisione multipla
  • Dispositivo di assistenza al parcheggio
  • ParkPilot (sensori di parcheggio)
  • Protezione proattiva degli occupanti
  • Rear View (telecamera posteriore)
  • Sistema di controllo della pressione degli pneumatici
  • Side Wind Assist
  • Side Assist (sistema di assistenza al cambio di corsia)
  • Trailer Assist (assistenza alle manovre con rimorchio)
  • Riconoscimento della segnaletica stradale

I NUOVI MOTORI

Nuovo Volkswagen Multivan: visuale di 3/4 posteriore

Al suo debutto, Multivan sarà disponibile con due turbo benzina TSI a quattro cilindri:

Motore Cilindrata Potenza Coppia
1.5 TSI 1498 cc 136 CV (100kW) 220 Nm
2.0 TSI 1984 cc 204 CV (150 kW) 320 Nm

PLUG-IN Più interessante la versione e-Hybrid: il motore termico è un 1.4 quattro cilindri turbo benzina da 150 CV (110 kW), mentre il motore elettrico eroga 116 CV (85 kW). La potenza di sistema combinata è di 218 CV (160 kW), e la coppia massima di 350 Nm. Il pacco batterie ha una capacità lorda di 13 kWh, che dovrebbe garantire qualche decina di km a zero emissioni (Volkswagen non ha ancora dichiarato la percorrenza ufficiale).

AUTOMATICO DI SERIE Per tutte le motorizzazioni è previsto il cambio a doppia frizione DSG: a sette rapporti per i benzina, a sei rapporti (con motore elettrico integrato) per la plug-in. Nel 2022 arriverà anche un turbodiesel TDI da 150CV (110kW). 

QUANDO ARRIVA

Nessuna informazione sui prezzi del nuovo Volkswagen Multivan, ma l’attesa non sarà lunga: gli ordini dovrebbero aprire il prossimo autunno, con le prime consegne a cavallo del nuovo anno. Tre gli allestimenti previsti: Multivan, Life e Style.


TAGS: furgone plug-in transporter multispazio bulli phev volkswagen multivan