BANZAI La parola chiave è kaizen, che in giapponese esprime la ricerca della perfezione tramite il costante miglioramento. E di kaizen, l'edizione 2020 di Nissan GT-R Nismo è piena zeppa. Nuovi turbocompressori testati in gara, controllo del cambio migliorato, componenti più leggeri, ridotta massa globale e perfezionamento di freni, ruote e pneumatici. Tutti accorgimenti che intrecciati tra di loro si traducono in una diminuzione di 2,5 secondi per giro sul circuito di prova Nissan, oltre al netto miglioramento della stabilità alle alte velocità. E per alte velocità, GT-R Nismo intende i 300 km/h.

GT-3 DOCET L'evoluzione dell'icona giapponese delle Gran turismo mantiene i suoi 600 cv di potenza, tuttavia in realtà il 3.8 V6 che sotto il cofano scatena un inferno di meccanica è ancor più piacevole da accompagnare al limite. I nuovi turbo sono gli stessi attualmente utilizzati nella versione GT3 da corsa: turbina a 10 palette (una meno del modello attuale) e dallo spessore ridotto di 0,3 mm. Questo ha permesso di contenere la massa della turbina del 14,5% e la sua inerzia del 24%, migliorandone notevolmente i tempi di risposta (+20%). A sua volta, il nuovo sistema di scarico in titanio, con estremità brunite a mano, riproduce in abitacolo un suono ancor più deciso, drammatico.

TRASMISSIONE In modalità R, il cambio a 6 marce doppia frizione ora risulta più aggressivo e intuitivo, grazie a un nuovo algoritmo dell'Adaptive Shift Control (ASC). Viene così scelta la marcia più adatta per ogni situazione di guida, avvertibile soprattutto in frenata e in prossimità di una curva, dove la trasmissione appare più precisa, con reazioni più rapide di scalata di marcia, che contribuiscono a ridurre il sottosterzo all'ingresso. L'accelerazione migliora anche in uscita da una curva, con velocità del motore mantenuta più alta grazie all'inserimento di marce più basse.

A DIETA Il modello GT-R più potente ed esclusivo si distingue anche per la quantità di fibra di carbonio: paraurti anteriori e posteriori, parafanghi anteriori (-4,5 kg), cofano (-2 kg), tetto (-4 kg), rivestimenti dei sottoporta, bagagliaio e spoiler posteriore. Insieme, questi interventi sugli esterni hanno permesso di risparmiare 10,5 kg sul peso totale, oltre ai quasi 20 kg derivanti da altre migliorie o nuovi componenti.  

GALLERIA D'ARTE Alla GT3 si ispira fortemente anche il design dei nuovi parafanghi anteriori, che ora sfoggiano feritoie di ventilazione che aumentano di 7 kgf la deportanza, senza incrementare la resistenza aerodinamica. Anche i paraurti ventilati testati nella galleria del vento agevolano il flusso dell'aria sulla carrozzeria ed evitano le turbolenze sull'alettone posteriore, aumentando la stabilità alle alte velocità. Come elemento multi-funzionale, aiutano inoltre a convogliare l'aria calda fuori dal vano motore.

FRENI MADE IN ITALY Nissan ha poi collaborato Brembo per creare un nuovo pacco freni. Grandi pinze speciali e dischi in carboceramica, i più grandi mai montati su una performance car giapponese, con 410 mm sull'avantreno e 390 mm al retrotreno. 

TELAIO Le sospensioni ottimizzate aumentano la stabilità in curva grazie a una migliore risposta all'imbardata e una marcia più fluida, mentre la sterzata è un capolavoro di precisione e linearità, e richiede correzioni minime fino ai 300 km/h. Gli esclusivi cerchi RAYS da 20 pollici hanno un peso inferiore di 100 g e un nuovo design a 9 razze, che aumenta la rigidità nonostante la riduzione di peso. Il logo NISMO bianco e rosso, con taglio a diamante sulla corona, ne caratterizza l'esclusività. Ammortizzatori Bilstein DampTronic dal ritorno controllato sia in estensione (20% più morbido), sia in compressione (+5%), taratura molle ancor più lineare. Più kaizen di così si muore.


TAGS: nissan nissan gt-r supersportive nissan gt-r nismo 2020