Autore:
Dario Paolo Botta

LA SCOMMESSA DI MUSK Il patron della Casa californiana Elon Musk ha recentemente dichiarato che Tesla è pronta a mettere in produzione la nuova versione della Roadster. Ciò che stupisce è il volume previsto: il magnate conta infatti di produrre 10.000 esemplari all’anno di Tesla Roadster 2020 e venderli a un prezzo compreso tra 200.000 e 250.000 dollari. Per capire meglio questi numeri, siamo sui livelli di Ferrari, che nel 2018 ha consegnato 9.251 vetture con prezzi che negli USA partono da circa 215 mila dollari. Assodato che la nuova Tesla Roadster non è il modello destinato a diffondere l’auto elettrica in giro per il mondo, ma un’auto pensata per stupire e dare lustro al marchio, le parole di Musk suonano ambiziose...

C'É DA FIDARSI? Certe affermazioni, ricordiamolo, hanno spesso l'obiettivo di far felici le borse per portare quattrini nelle casse delle società quotate come Tesla, più che per intimorire i competitor del Vecchio Continente. Non dimentichiamo che ormai da diverso tempo la Casa californiana conosce una crisi di vendite, con un calo complessivo delle immatricolazioni del 56% rispetto al 2018, e che proprio nell'ultimo periodo Elon Musk si sia impegnato in una raccolta fondi per dare ossigeno alle casse dell'azienda. Ci si domanda dunque se le recenti esternazioni sulla Roadster non facciano parte di un piano per invertire il trend negativo.

LE CONCORRENTI Ma torniamo ai numeri della Tesla Roadster 2020, che a un prezzo appena al disotto di una Ferrari Portofino punta a superare le vendite di tutti i modelli del cavallino messi insieme. Il pedigree, diciamolo, non è confrontabile ed è logicamente a vantaggio delle Rosse. La situazione si ribalta quando guardiamo alle prestazioni: “Con la nuova Roadster faremo qualcosa di molto scorretto alle altre supercar, la sua potenza è davvero incredibile se rapportata alle altre auto tradizionali”, aveva promesso Musk durante lo show Ride the Lightning condotto da Ryan McCaffrey.

PRESTAZIONI AL TOP Detto fatto: la nuova Tesla Roadster ha un’accelerazione fulminante, con uno 0-100 km/h coperto in meno di 2 secondi e una velocità massima di 402 km/h. Ci riesce grazie a tre motori elettrici, uno installato nella parte anteriore e due posti al retrotreno, che garantiscono una coppia complessiva di 10.000 Nm. L’autonomia dichiarata dalla Casa è di 1.000 km. Non c'è match per le supercar europee: sia la Porsche 911 Turbo S da 203.000 dollari sia la Lamborghini Huracán Coupé RWD da 580 CV e 200.000 dollari.

NEMMENO LA FERRARI IBRIDA CE LA FA Non tiene il passo della Roadster neppure la nuovissima Ferrari SF90 Stradale, nuova plug-in del Cavallino Rampante, con i suoi quasi 1.000 CV, uno 0-100 km/h in 2,5 secondi e una top speed di 340 km/h. L'ultima nata di Maranello tra l'altro, ha un prezzo che si aggira intorno ai 600.000 euro... Ammesso e non concesso che le prestazioni siano così  determinanti, quando confrontiamo una Tesla con una Ferrari, una Lamborghini o una Porsche, vale però la pena notare che le supercar del cavallino rampante, del toro e della cavallina di Stoccarda non temono ancora rivali quando si tratta di rifornire: con un pieno che si porta a termine in pochi minuti contro i noti tempi di attesa delle auto elettriche. E se è vero che chi può permettersi le supercar tradizionali può probabilmente mettersi in garage anche una velocissima auto elettrica, c'è da chiedersi i ricconi quale compreranno per prima e quale relegheranno al ruolo di seconda, terza o quarta auto.

 

 

 


TAGS: porsche ferrari lamborghini tesla elon musk tesla roadster 2020