FUOCO E FIAMME Scoppia un nuovo caso Tesla dopo che, nella notte fra giovedì e venerdì scorso, una Tesla Model S, parcheggiata in un garage di San Francisco ha preso letteralmente fuoco. Secondo le autorità californiane, l’incendio si è originato nella parte posteriore della vettura, in prossimità della gomma posteriore destra. Le indiscrezioni parlano di un caso di autocombustione, non dovuto a problemi legati al pacco batterie che alimenta il motore elettrico: l’auto non era infatti collegata alla base di ricarica. I vigili del fuoco sono stati in grado di domare le fiamme che fortunatamente non si sono estese all’abitato.

ALLARME PER TESLA La dinamica dell'incendio descritta fino a questo momento fa riflettere: è assai improbabile che l'incidente sia imputabile direttamente alle auto elettriche di Elon Musk. L'auto non era in ricarica, non era colegata alla corrente e le fiamme non sembrano essersi generate né dal pacco batterie né dall'elettronica di bordo. Nondimeno la situazione in casa Tesla è preoccupante, visto il susseguirsi di problemi e inconvenienti sulle nuove vetture.

I PRECEDENTI È dello scorso aprile un caso analogo di incendio, divampato su di una Model S in un sotterraneo di Shanghai. In quel caso la vettura era letteralmente esplosa in una palla di fuoco, danneggiando le auto nelle vicinanze. La settimana scorsa, invece, un malfunzionamento del sistema Autopilot ha provocato uno schianto in cui ha perso la vita il conducente. Tesla si trova dunque nel mirino delle autorità giudiziarie americane, che rimangono dubbiose e scettiche sui progetti futuristici di Elon Musk.

ELON MUSK RASSICURANTE La risposta da parte della dirigenza Tesla non si è fatta attendere, affrettandosi a tranquillizzare i propri clienti. Una mossa prevedibile, visto che proprio Musk è a caccia di fondi per garantire il futuro della sua azienda attraverso una ricapitalizzazione. Sembra che il magnate si sia definitivamente convinto a dare ascolto agli analisti di Wall Street, che da tempo consigliavano un aumento di capitale visti i pessimi risultati di vendite dell’ultimo trimestre. Non sono neppure mancate le minacce ai dipendenti affinché nessuna gola profonda mettesse in giro voci tali da pregiudicare l'operazione.

AFFIDABILITA’ CANAGLIA Per l’azienda californiana le proprie auto restano affidabilissime. Stando alle parole dello stesso Elon Musk i modelli elettrici rimangono 10 volte meno soggette a rischio incendio rispetto alle vetture a combustione interna. D'altra parte la National Fire Protection Association (NFPA), che lavora al fianco dei vigili del fuoco USA promuovendo programmi di formazione, sostiene che gli incendi dei pacchi batterie siano più difficili da estinguere e richiedano competenze e preparazione ancora da affinare. Ma nessuna rivoluzione è a costo zero.

 


TAGS: tesla elon musk tesla model s model s incendio auto elettriche auto elettriche in fiamme