Pubblicato il 08/07/20

STOP ALLE VENDITE Da Oltremanica arriva la notizia di mercato della giornata e cioè che Suzuki UK ha deciso per lo stop della commercializzazione di uno dei suoi modelli di maggiore successo, la Jimny. Una notizia significativa, ma che bisogna interpretare andando a leggere per bene tra le righe. Infatti, un motivo della chiusura di mercato c’è, ed è rilevante. Ma prima veniamo all’annuncio riportato dalla stampa inglese e ripreso anche sul Continente. La gamma di Suzuki nel Regno Unito sarà presto esclusivamente ibrida. Le varianti non elettrificate di tutti i modelli saranno disponibili solo fino a esaurimento degli stock e Jimny 4x4 non è più ordinabile.

Suzuki Jimny: 4x4 anche automatica, ma niente motore ibridoIL PERCHÉ DI QUESTA SCELTA. Adesso, entriamo nel dettaglio. Il futuro del piccolo fuoristrada giapponese era già in discussione dopo che Suzuki UK aveva dichiarato a inizio anno che sarebbe stato venduto ''in numero molto limitato per tutto il 2020”. E da Hamamatsu hanno confermato questa indiscrezione con un comunicato: ''una volta che gli ordini dei concessionari saranno evasi, la Jimny verrà ufficialmente ritirata''. Il destino del 4x4 Suzuki è in gran parte dovuto alle ripercussioni che ha sul livello di emissioni medie di CO2 del marchio. Infatti, già dalla versione con cambio manuale, il suo indice di CO2 è di 154 g/km - ben al di sopra della media della flotta, che si attesta su 95 g/km e che Suzuki dovrà soddisfare nel 2021. Per gli inglesi rimane lo spiraglio che il modello possa essere reintrodotto come veicolo commerciale con la rimozione dei sedili posteriori per avere un vano di carico maggiore e rispondere ad altre specifiche di omologazione. Tuttavia, questa notizia non è ancora stata confermata.

Suzuki Jimny: il suo motore non è ibridoLE ALTRE SUZUKI SONO IBRIDE La gamma Suzuki oggi comprende nel Regno Unito i SUV/Crossover Vitara e S-Cross, le berline Swift e Swift Sport e la citycar Ignis. In Italia si aggiungono Celerio e Baleno, disponibili con motore a benzina. Tutti i modelli sono offerti con motorizzazione mild-hybrid. Ignis e Swift utilizzano un sistema 12v più economico e semplice, mentre Vitara, S-Cross e Swift Sport utilizzano un sistema 48v più avanzato. Suzuki afferma che grazie all’elettrificazione i livelli di CO2 emessi sono ridotti del 25% rispetto alle precedenti versioni non ibride. E la gamma sarà presto ampliata grazie all’arrivo del SUV Across, svelato di recente come il primo modello nell'ambito della partnership tra Suzuki e Toyota. In sostanza una RAV4 leggermente rinnovata, ma che grazie al primo propulsore ibrido plug-in di Suzuki contribuirà pesantemente alla riduzione complessiva delle emissioni di tutta la gamma.

Suzuki Jimny: per adesso le vendite in Italia continuano, ma nel 2020 è sold out

E IN ITALIA? Detto che la Jimny avrà vita breve al di là della Manica, siamo curiosi di sapere se in Italia si prospetta la stessa fine per quello che, di fatto, è un modello di grande successo. Tanto è vero che per tutto il 2020 le scorte sono esaurite e non sarà possibile ordinarlo, insomma siamo al Sold Out. Ebbene, per ora da Suzuki Italia, che abbiamo interpellato in merito, non giungono notizie su uno stop alle vendite all'orizzonte. La filiale italiana conferma che anche per il prossimo anno il piccolo off-road sarà ordinabile, nei limiti del quantitativo di esemplari destinati al nostro mercato. Quindi, libretto degli assegni alla mano, perché con l'arrivo dello stock 2021 e in assenza di novità, sarà meglio essere in pole position per accaparrarsi quella che, di fatto, è un’icona del fuoristrada e una stilosissima auto da città. Con buona pace dell’elettrificazione…


TAGS: suzuki jimny suzuki suzuki jimny 2021