Pubblicato il 02/01/2020 ore 16:23

PER LE FORZE DELL’ORDINE Piace davvero a tutti la nuova generazione di Suzuki Jimny, tanto che il piccolo fuoristrada giapponese riscuote ormai grande successo anche fra le Forze dell’ordine del nostro Paese. Per questo motivo l’Arma dei Carabinieri ha siglato, nelle scorse settimane, un contratto di fornitura di 10 unità, tutte modificate per rispondere alle diverse esigenze del Corpo di pubblica sicurezza. Sotto il vestito della nuova Jimny si trova un telaio a longheroni che permette alla piccola giapponese di affrontare, senza troppi problemi, anche i fondi più impegnativi.

PRONTA A TUTTO A spingere la Jimny ci pensa invece il motore da un litro e mezzo che sviluppa una potenza di 100 CV, erogando fino a 130 Nm di coppia massima. A tutto ciò è abbinata una trazione integrale All Grip PRO, che in condizioni di normale utilizzo sfrutta la 2WD posteriore, con la possibilità di azionare le 4 ruote motrici qualora ce ne fosse la necessità. Il cambio di Suzuki Jimny è un manuale a 5 marce o in alternativa automatico 4 rapporti. Sul fuoristrada nipponico sono presenti poi le immancabili ridotte, da utilizzare quando il gioco si fa davvero duro.

Suzuki e Carabinieri insieme contro il crimine

SUZUKI MON AMOUR L’accordo di fornitura stipulato fra Carabinieri e Suzuki, non si ferma però alla Jimny. La Benemerita avrà a disposizione anche un altro veicolo made in Japana: la piccola crossover da città Ignis. 55 unità della city car pattuglieranno le nostre strade proprio come la Jimny, e anch'esse verranno puntualmente modificate, guadagnandosi livrea ufficiale dell'Arma, luci di emergenza e altre funzionalità indispensabili per combattere ad armi pari contro il crimine.


TAGS: suzuki jimny suzuki ignis suzuki Suzuki Carabinieri