Autore:
La Redazione

THE ITALIAN JEEP Un americano in Italia, non è il primo ma è senz'altro il più importante. Dopo aver collezionato i passaporti messicano, brasiliano, indiano e cinese, Jeep Compass acquista la cittadinanza anche nel Belpaese e prende residenza al Sud, dove fa caldo ma non si sta certo con le mani in mano. A Melfi è tutto pronto, ancora pochi mesi e il Compass "made in Italy" popolerà i concessionari Jeep di tutta Italia. Dapprima in abiti tradizionali (diesel e benzina), successivamente anche in formato plug-in hybrid, perché di elettrificazione non se ne può fare a meno, non più.

HYBRID COMING SOON Lo storico stabilimento Fiat di Melfi celebra così i suoi 25 anni, inaugurando una catena di montaggio all'avanguardia, per un prodotto che per Jeep e per il Gruppo FCA nel suo complesso copre un ruolo di responsabilità non secondaria. Insieme a Renegade, la Compass è il modello che in Europa fa i volumi: 78.000 unità nel 2018 in area Emea, in Italia un 4x4 ogni tre del segmento dei C-Suv è proprio un esemplare dello Sport utility cuore di gamma Jeep. Dal primo trimestre 2020, start all'assemblaggio della Compass a combustione interna. Seguirà dunque Compass ibrida ricaricabile, o Compass 4x4e, come abbiamo imparato a chiamarla al Salone di Ginevra dello scorso marzo. Già di casa a Melfi, anche Renegade plug-in vedrà la luce nel prossimo anno. La conversione in chiave elettrica è partita e non si torna indietro.

FCA E L'AUTO ELETTRICA La produzione "in loco" di Jeep Compass rientra infatti in una strategia di investimenti ad ampio spettro, un piano che prevede l'introduzione di 13 modelli totalmente nuovi o profondamente rinnovati e l'avvio di un piano di elettrificazione dell'intera offerta, con l'inserimento in gamma di 12 versioni elettriche di modelli nuovi o già esistenti. Le versioni ibride plug-in di Compass e Renegade saranno prodotte nello stabilimento lucano, mentre il polo Mirafiori di Torino ospiterà le produzioni della nuova Fiat 500 ad alimentazione totalmente elettrica, oltre a quella di vetture Maserati con sistemi a propulsione ibrida o 100% elettrica (queste ultime realizzate anche a Modena). Certe anche le produzioni di Ducato Electric e di nuova Alfa Romeo Tonale (a Pomigliano).

ELECTRIC FRIENDLY Elettrificazione della gamma, ma non solo. Perché l'auto elettrica è un ecosistema a tutto campo, ecco allora la creazione di e-Mobility, l'Ente incaricato di coordinare ogni attività legata alla mobilità futura. Ed è proprio attraverso e-Mobility, che negli ultimi tempi FCA ha stretto accordi con  diversi partner come Enel X, Engie, Terna, Transatel, Lexis NexisGenerali. A poco a poco, anche l'Italia si trasformerà in un humus fertile. E muoversi a emissioni zero (traduzione: ricaricare l'auto elettrica ovunque e a costi sostenibili) non sarà più un lusso.

MELFI IN CIFRE Venticinque anni vissuti intensamente, sempre alla ricerca del miglioramento. Costruito tra il 1991 e il 1993, Melfi Plant è il fiore all'occhiello dell'industria del Mezzogiorno: 7.300 dipendenti, 5 presse e 2 trance di stampaggio, 860 robot per lastratura, 54 robot per la verniciatura, 278 stazioni automatiche di avvitatura, 4.000 persone dedicate al montaggio delle auto. Melfi non si ferma mai e guarda al futuro, un futuro che passa anche dalla Plant Academy, struttura creata nel 2015 come tappa verso il traguardo di "Industry 4.0". Plant Academy come fucina di idee e di sperimentazioni, oltre che "fabbrica di talenti" vista l'attenzione allo sviluppo delle potenzialità delle persone, quindi alla competitività della fabbrica intera: sostenibilità economica, qualità del prodotto, capacità di creare innovazione. Compass ha scelto bene.


TAGS: jeep compass fca melfi jeep compass plug in hybrid