AUTOSTOP Team di sviluppo a parte, nessuno ha ancora avuto la fortuna di guidare nuova Golf. Primi test drive in programma nei prossimi mesi, c'è tuttavia chi ha già avuto l'occasione di viaggiare a bordo di una Golf nuova generazione seduto lato passeggero. In attesa di condividere le nostre personali sensazioni, riportiamo le impressioni registrate da Auto Express. Le cui globali conclusioni (indovina) sono più che positive.

UNA DI FAMIGLIA Nessuna presa di contatto diretta, come si accennava. Volkswagen Golf 8 è qui in veste di "taxi", ai comandi siede l'ingegnere capo del progetto Frank Welsch, tra i più influenti tecnici non solo del Gruppo di Wolfsburg, ma in un certo senso dell'intero mondo auto. Proprio Welsch riassume la filosofia che sta alla base del programma nuova Golf: l'edizione più rivoluzionaria dell'intera storia del modello, ma dal family feeling immediato, riconoscibile anche a distanza. Missione compiuta, a quanto pare.

SEMPLICEMENTE GOLF Il diario di bordo riporta innanzitutto di una visibilità periferica notevole, questo nonostante la seduta sia piuttosto bassa, e la plancia sia occupata in buona parte da strumenti digitali. Proprio la spinta in direzione di elettronica e di connettività sarebbe la chiave di un'esperienza di guida radicalmente più moderna di quella offerta da qualsiasi Golf passata: interfaccia virtuale, ma del tutto "user friendly". Dal display centrale a sfioramento ogni funzione viene richiamata in soli uno o due passaggi, mentre anche impartire al sistema comandi vocali ("Ciao Volkswagen", e l'assistente intelligente si prepara) non richiede chissà quali competenze, se non avere chiaro in mente cosa si intende domandare all'auto. Insomma, infotainment tecnologico, ma alla portata anche di chi non è uno "smanettone" quotidiano, oppure un nerd appassionato della sfera hi-tech.

ECONOMY RUN Digitalizzazione a parte, nuova Volkswagen Golf è anche piacere di guida ed efficienza di esercizio. L'esemplare oggetto del primo contatto di Auto Express appartiene alla gamma a gasolio, senza specificare la cilindrata ma apparentemente equipaggiato di tecnologia mild hybrid, dal momento che è provvisto di funzione "coasting", che a tratti esclude il motore a combustione alle velocità di crociera. Mild hybrid o meno, il nuovo TDI risulterebbe particolarmente silenzioso, né in abitacolo sembrano penetrare vibrazioni ad alta frequenza. Consumi? 63 miglia per gallone equivalgono a 26 km/l, un dato che se confermato farebbe la gioia di ogni proprietario.

L'ANTI-SUV Tirando le somme, l'ottava generazione della compatta regina d'Europa viene giudicata all'altezza delle aspettative sia dal punto di vista dei contenuti interni, evoluti ma comunque di semplice utilizzo, sia come dinamica di marcia: stessa piattaforma di partenza di Golf 7, ma i numerosi interventi meccanici ed elettronici fanno davvero la differenza. Nuova Golf se la vedrà coi Suv compatti, e ha ottime chance.


TAGS: volkswagen prova su strada volkswagen golf 8 stampa uk