Pubblicato il 28/07/20

QUATTRO PER E Squadra che vince non si cambia ed ecco che anche su Jeep Compass – proprio come sulla cugina Renegade – debutta la trazione plug-in hybrid “quattro per E”, che introduce la possibilità di viaggiare per circa 50 km solo a batterie: un sistema buono solo in città o anche fuori... strada?

DIMENSIONI E CARATTERISTICHE

QUANT'È GRANDE Lunga 4,39 m, la Compass 4xe ha un bagagliaio che va da 420 a 1.230 litri: per ospitare le batterie da 11,4 kWh e il dispositivo per ricaricarle perde una ventina di litri di capacità rispetto alle versioni 4x4 con motore tradizionale. E qui la trazione integrale è ottenuta grazie a un motore elettrico da 60 CV e 250 Nm montato al posteriore: senza alberi di trasmissione.

DUE LIVELLI DI POTENZA Il risultato? Meglio dell'originale, dice Jeep, secondo cui le Compass plug-in hybrid, con potenze complessive che vanno da 190 a 240 cavalli secondo le versioni, sarebbero più brillanti più strada e persino più capaci in offroad. A cambiare, tra i due livelli di potenza, è la cavalleria sprigionata dal motore a benzina, che passa da 130 a 180 CV (ma sempre 270 Nm), mentre il motore elettrico collegato alle ruote posteriori non cambia.

Jeep Compass 4xe, ricarica della plug-in hybrid

NON CI SONO CHILOMETRI GRATIS Per il suo sistema Jeep dichiara consumi medi di poco superiori ai 2 litri per 100 km, che ovviamente dipendono in gran parte dalla strada che si può fare a batterie: a fronte di tempi di ricarica che vanno da 2 a 5 ore secondo la potenza della presa. Piccola ma fondamentale avvertenza: i chilometri fatti a batterie sono gratis per il computer di bordo ma nella realtà si pagano anche loro. A cifre piuttosto variabili, va detto.

OCCHIO AL COSTO DEI CHILOWATT! Al momento un valore medio rispetto al mercato è quello delle colonnine pubbliche Enel X, che a consumo tariffano 40 centesimi al kWh. Organizzandosi con abbonamenti domestici o presso specifici gestori si può fare meglio, ma al costo di cui sopra e ai prezzi attuali alla pompa di benzina e gasolio molte auto tradizionali rimangono competitive con quelle alimentate a corrente: fate bene i conti prima di fare il grande passo!

 

AL VOLANTE

DUE LIVELLI DI POTENZA I 190 CV sono per gli allestimenti Business e Limited, 240 CV sono appannaggio della Compass S e della più fuoristradistica Trailhawk. Con la motorizzazione base si raggiungono i 183 km/h con uno 0-100 in 7,9 secondi, mentre con le versioni top si sfreccia a 200 km/h e si brucia lo sprint in 7,1 secondi. Già la versione meno potente, va detto, non fa rimpiangere nulla, ma alla fine affronto il percorso di prova su strada con una Trailhawk.

VELOCE E SILENZIOSA A colpirmi prima di tutto è lo sterzo sensibile e progressivo, che si accompagna a un assetto resistente al rollio. Il peso extra non lo senti tanto in curva quanto su dossi e avvallamenti, dove le sospensioni si allungano e si comprimono un po' più di quanto ti aspetti. Per lo sprint attivo la modalità di guida Sport sul selettore rotante Selec-Terrain. Il risultato? Uno sprint emozionante, seguito da un allungo convincente e con un motore a benzina che non fa mai la voce grossa.

COMFORT DI LIVELLO Si viaggia bene, sulla Compass plug-in, con pochissimo rumore che arriva in abitacolo solo quando le gomme passano su asfalto molto rovinato. E al buon lavoro delle sospensioni fa coro la fluidità del cambio automatico a 6 marce - di serie su tutte le 4xe - che risulta anche reattivo quando lo adopero in modalità manuale.

Jeep Compass 4xe plug-in hybrid, display multifunzione

GESTIONE E CONSUMI L'unica cosa a cui fare attenzione è la modalità d'uso del sistema plug-in che permette tre impostazioni con altrettanti pulsanti vicino al cambio: Hybrid, Electric ed E-Save. La prima gestisce autonomamente l'ibrido, ma con poco rispetto per la batteria, ho scoperto. In autostrada, meglio attivare E-Save che risparmia la carica per quando serve: per esempio per entrare in centro città. Altrimenti si rischia di ritrovarsi scarichi sul più bello. Alla fine del giro, la media misurata dal computer di bordo supera di poco i 6 l/100 km.

LA PROVA DELLA PISTA Se in strada convince, in pista la Compass addirittura stupisce, con un comportamento rigoroso e preciso. Oltre che prevedibile e facile da controllare al limite: dove gli aiuti elettronici danno certo una mano se si forzano troppo le leggi della fisica, ma dove il buon comportamento dinamico deriva principalmente da una messa a punto ben fatta dell'assetto e della meccanica. E proprio in pista ho usato una Compass da 190 CV a dimostrazione del fatto che non occorre puntare sulla cavalleria top per una guida (decisamente) brillante.

FUORI STRADA In offroad, dice Jeep, la 4xe andrebbe addirittura meglio delle Compass tradizionali. E non solo perché - al momento - è l'unica versione a trazione integrale rimasta a listino. Il motivo? Il baricentro basso dato dalle batterie nel sottoscocca e il motore elettrico. Quest'ultimo, da un lato può spingere l'auto fino a 130 km/h in autostrada senza consumare una goccia di benzina; dall'altro, si dosa meglio e in modo indipendente dal motore termico che dà potenza alle ruote anteriori, a tutto vantaggio della trazione in situazioni limite. Pur con un peso che cresce di circa 125 kg rispetto a una Compass 4x4 diesel, raggiungendo quota 1.860 chili a vuoto.

IL PERCORSO OFFROAD Nel percorso offroad di Balocco trovo conferma delle premesse: la Compass 4xe si comporta bene, superando ostacoli di un certo impegno con nonchalance e trasmettendomi un senso di sicurezza alle massime inclinazioni. Bene anche la facilità con cui si centellina l'avanzamento, un centimetro alla volta per superare situazioni di improvviso trasferimento di carico: in modalità Rock e con la funzione 4x4 Low attivata le possibilità della Compass in fuoristrada sono di tutto rispetto.

Prova di guado della Jeep Compass 4xe

HO FATTO SPLASH! Elevate le capacità di guado, nonostante le molte componenti elettriche montate in basso. La Compass affronta infatti profondità di 40 cm, che diventano 50 cm sulla Compass Trailhawk, versione più estrema con protezioni in acciaio per il sottoscocca e gomme maggiorate, per un'altezza da terra che passa da 20,1 a 21,3 cm.

SI ALIMENTA DA SOLA E se la batteria si scarica? Ci pensa il motore a benzina ad alimentare quello elettrico, tramite il motogeneratore integrato e la funzione “Powerlooping”, che non basta per dare piena potenza al motore elettrico posteriore, va detto, ma che con l'aiuto della batteria che non si scarica mai completamente (è il software dell'auto a impedirlo) garantisce comunque di procedere senaza particolari limitazioni, dice Jeep.

COME TU LA VUOI Le varie situazioni di guida si affrontano con l'aiuto del famoso sistema Selec-Terrain che permette di selezionare modalità di guida specifiche per la guida normale, quella sportiva, quella su fango e sabbia e quella sui fondi innevati. Sulla più estrema Renegade Trailhawk c'è in più la modalità Rock: utile sui terreni super accidentati. A ciò si aggiungono le regolazioni Low e Lock specifiche del 4x4: la prima per il fuoristrada impegnativo, la seconda per bloccare la ripartizione della coppia tra anteriore e posteriore, fino a una velocità massima di 15 km/h.

 

INTERNI

A BORDO A bordo della Compass, se l'eleganza del design evoca atmosfere premium, la qualità di materiali e finiture dimostra che Jeep bada comunque più alla sostanza che all'apparenza. Arredi poco invadenti aumentano la sensazione di spazio a disposizione e l'abitabilità è buona. La trazione elettrica, che rinuncia alla trasmissione, non evita però il pavimento rialzato al centro, che può disturbare un eventuale quinto passeggero. Alla fine, se non fosse per un quadro strumenti dedicato, con una lancetta a indicare le fasi di funzionamento del sistema ibrido, sembrerebbe di essere su una Compass a motore tradizionale.

DOTAZIONI E PREZZI Tutte le versioni di Jeep Compass 4xe hanno uno nuovo schermo TFT a colori da 7” al centro del quadro strumenti e un display touchscreen da 8.4” in plancia con infotainment Uconnect: con integrazione Apple CarPlay, Android Auto e radio DAB. Di serie ci sono cambio automatico a 6 marce, fari bi-xeno, frenata automatica e mantenimento di corsia e sensori di parcheggio posteriori. A richiesta, sensore angolo cieco, telecamera posteriore per la retromarcia, parcheggio automatico e il sistema Keyless. I prezzi vanno da 42.650 a 47.900 euro, al netto di optional ed ecoincentivi, più 1.210 euro di messa in strada.

 

SCHEDA TECNICA JEEP COMPASS 4XE

Motore

4 cilindri, 1,3 litri benzina turbo plug-in hybrid – 190/240 CV

Prestazioni

200 km/h; da 0 a 100 km/h in 7,3”

Dimensioni

4,39 x 1,87 x 1,65 m

Bagagliaio

da 420 a 1.230 litri

Trazione

integrale elettrica

Cambio

automatico a 6 marce

Prezzo

da 42.650 euro

 


TAGS: jeep jeep compass jeep compass 4xe compass jeep jeep compass plug-in hybrid jeep compass 2020