Autore:
Marco Rocca

LA NOTTE DEI DESIDERI Autodromo di Modena ore 21.30. L’aria è fredda, colpa dell’umido pungente, ma la serata promette bene, anzi benissimo. Le Mercedes CLA Shooting Brake 45 AMG sono in fila a motore acceso avvolte da una nuvola di vapore. Mentre aspetto il mio turno scambio due chiacchiere con uno degli istruttori della scuola AMG Driving academy che di lì a breve avrebbe fatto da apripista. “Come si comporta tra i cordoli?” Gli domando secco. “Fa gli stessi tempi della CLA berlina? "Beh, cronometro alla mano,” mi risponde, “c’è qualche minima differenza, inutile negarlo, ma posso garantirti che vai forte come una palla di cannone, vedrai”.

INDISCREZIONI TRA PILOTI La mia domanda nasce dal fatto che qualche minuto prima, ascoltando un discorso tra i piloti del corso, ho sentito dire che a Vallelunga la CLA berlina aveva rifilato ben due secondi alla Classe A 45 AMG. Stai a vedere che anche la Shooting Brake… Non faccio in tempo a entrare nel vivo della conversazione che ci chiamano alle auto.

MORE POWER Non ancora nei box, avverto distintamente i gorgoglii rochi e bassi da fumatore incallito del 4 cilindri turbo da 381 cavalli. Sì, signori cari, ora sono trecentoottantuno e non più 360 cavalli. Il motore delle nuova CLA Shooting Brake 2015 (proprio come quello della CLA berlina, della Classe A oltre che della GLA) ha ricevuto una nuova centralina che ha portato 20 cavalli omaggio. Molto bene.

CATTIVA COME SEMPRE Il resto rimane uguale a prima. Mi riferisco alla carrozzeria che non beneficia di nessun maquillage, per ora. Anche perché non se ne sente la necessità. La linea muscolosa e nerboruta come la coscia di un atleta centometrista fa la sua bella figura. Senza contare che da buona AMG ha la sua dose di prese d’aria maggiorate, sedili sportivi a guscio, freni più performanti e assetto ribassato. E poi, in tutta franchezza, a me basta sapere che sotto il cofano c’è più birra per allargare il sorriso.

MODENA BY NIGHT Avete mai guidato di notte? In pista, intendo? Confesso di non essere un amante dell’autodromo modenese. I rettilinei sono brevi, le curve chiudono molto e per di più, con l’aggravante del buio, addio punti di riferimento. Il passaggio dalla luce al neon dei box all’oscurità totale della pista, sulle prime, disorienta ma con gli abbaglianti torna tutto in ordine. Prima ancora di apprezzare le doti dinamiche della CLA SB i miei timpani rimangono colpiti dalle note allo scarico. Ad ogni accelerata il cuore batte sempre più forte. Vivamente consigliato lo scarico Performance, optional da 549 euro. Se sportiva deve essere, che lo sia fino in fondo!

INIZIA LA FESTA Il giro di riscaldamento è finito e si rompono gli indugi. In rettilineo affondo il piede, arrivo sino alla quinta, il tachimetro indica… non so quanto indichi, non l’ho mai guardato. Posso dirvi di sicuro che ogni passaggio di marcia è sottolineato da distinti e fragorosi scoppi dallo scarico, tipo petardi. Pestone sul freno, entra l’ABS, gli indicatori di direzione lampeggiano ma la SB non si scompone nel puntare la curva a destra. Lo sterzo è progressivo, si irrigidisce con l’aumentare della velocità per diventare più leggero a bassa andatura, il feeling mi piace così come la corona bella cicciotta.

IL FUMO PASSIVO FA MALE Gli abbaglianti arrivano prima di me alla curva successiva, che chiude a gomito. I circa 1.600 kg della SB si fanno sentire all’anteriore che si abbandona a un po’ di sottosterzo. Allora entra in ballo la trazione integrale a comando elettronico che, in condizioni normali, lascia alle ruote anteriori il compito di tirare, in caso di perdita di aderenza sposta la coppia a quelle posteriori (sino a un massimo del 50%). E giù tutto sino alla curva successiva. Ma nulla da fare, sulle curve strette di Modena, anche disattivando i controlli, c’è così tanta trazione che la SB concede pochissimo fumo. Peccato. 

QUANTI SOSPIRI Ad ogni rilascio del gas è ben udibile il sospiro della wastegate (la valvola che si apre per evitare sovrappressioni di gas di scarico nel turbo), goduria. Il bonus di 20 cavalli, rispetto alla precedente CLA SB, si fa sentire. La coppia sale a 475 Nm (+ 25 Nm) a tutto vantaggio di una spinta ancora più cattiva. Il 2.0 litri inizia a spingere già poco oltre quota 1.500 giri per esaurire la sua esuberanza a 6.500 giri. Chiedo il massimo nel settaggio Sport Plus. Ogni cambiata è una fucilata cosi come lo 0-100 in appena 4,6 secondi. Sì ma con la coda come la mettiamo? Benone ma se anche avessi guidato con il paraocchi, sarei stato capace di distinguere tra CLA e CLA Shooting Brake. 

PADRE DI FAMIGLIA Se lunghezza, larghezza e passo sono esattamente identici (4,69 m x 1,78 m x 2,70 m), a cambiare è la distribuzione dei pesi. La coda della SB seppur piccola e rastremata ha portato un aumento del volume al posteriore oltre che 30 kg extra sulla bilancia, giusto per fare i precisetti. Altra piccola differenza la fanno le sospensioni che, non potendo contare sull’assetto ancora più rigido (optional) per CLA a tre volumi e Classe A, ne fanno un’auto destinata a persone che “macineranno” più chilometri l'anno, magari con la famiglia a bordo. La formula vi intriga? Per averla in garage occorrono 58.610 Euro, optional esclusi.  


TAGS: test drive prova su strada mercedes cla shooting brake 45 AMG prove auto 2015