Prova

Kia Sportage 2009


Avatar Redazionale , il 18/09/08

13 anni fa - Occhi nuovi e dotazioni rimpolpate

Kia imbelletta la SUV Sportage per il nuovo anno. Occhi nuovi e dotazioni rimpolpate, fanno il paio con un diesel potenziato e un'attualissima versione a GPL

PIENA MATURITA' Dopo quindici anni dalla prima edizione e quattro stagioni dalla nascita Kia presenta l'edizione 2009 della sua piccola SUV, riveduta e corretta in pochi particolari, ma forte di una gamma allargata di motorizzazioni e allestimenti. Un restyiling leggero, quindi, utile per rinfrescare l'immagine e introdurre una versione "furba", ad alimentazione mista benzina/GPL.

OCCHI DOLCI Le linee generali, semplici e compatte, della Sportage non sono state toccate, mentre cambiano i fari anteriori, che si addolciscono con un nuovo profilo discendente, e le luci posteriori. Di pari passo viene aggiornato il disegno dei paraurti. Al posteriore ora spuntano i doppi scarichi di serie su tutta la gamma, davanti invece cambia anche la forma dei fari fendinebbia e compare un velo di lucidalabbra sulla mascherina, segnata da un doppio profilo cromato.

FIANCHI LARGHI I più attenti noteranno inoltre il diverso disegno dei passaruota allargati e quello dei cerchi in lega
, unico elemento estetico capace di differenziare all'esterno i due allestimenti disponibili per la Sportage. La versione Class monta infatti delle ruote da 16" con pneumatici 215/65, mentre la più accessoriata Active è ancor più piantata a terra, grazie all'utilizzo di ruote da 17", gommate 235/55.

ALTERNATIVA A QUATTRO
Gli allestimenti disponibili si fermano quindi a due, abbinabili però a quattro motorizzazioni e all'alternativa fra la sola trazione anteriore e quella integrale inseribile a controllo elettronico. In questo modo le Sportage 2009 arrivano a ben 11 varianti, tutte caratterizzate da una dotazione di serie piuttosto completa, e con potenze variabili fra i 137 cavalli dell'inedita Ecosuv 2.0 litri a GPL e i 175 cavalli della quasi lussuosa 2.7 benzina a sei cilindri.

DIESEL POMPATO Fra le due opzioni estreme ci sono poi il classico 2.0 litri a benzina da 141 cavalli e il turbodiesel CRDi 2.0 litri potenziato a 150 cavalli, 10 in più rispetto alla stessa unità montata sulla Sportage 2008. Grazie al turbo a geometria variabile e all'iniezione common rail, questo quattro cilindri turbodiesel offre ora una potenza simile a quella di concorrenti più blasonate e una curva di coppia ottimizzata, con un picco di 304Nm a 1.800 giri, contro i 2.000 giri della versione precedente.

COSCIENZA PULITA La Sportage Ecosuv immola invece una manciata di cavalli sull'altare dell'ecologia e qualche decimetro cubo in più come capacità di carico, dato che utilizzando un serbatoio del GPL che sfrutta il vano della ruota di scorta, questa è costretta a migrare nel vano bagagli, riducendone sensibilmente la sfruttabilità. In compenso, la coscienza di chi è alla guida sarà pulitissima, dato che le emissioni di CO2 scendono da 190 a 168 g/km, mentre quelle di ossido di carbonio e di composti organici volatili calano rispettivamente dell'80 e del 70%.

AGUZZA LA VISTA Pochi particolari distinguono all'esterno la Sportage bi-fuel dal resto della gamma, in pratica il piccolo logo Ecosuv sul portellone posteriore e il doppio bocchettone di carico del carburante, visibile però unicamente sbirciando una volta aperto l'apposito sportellino. Ingombro della quinta ruota a parte, invece, l'interno della Ecosuv è sostanzialmente identico al resto della gamma, se non fosse per il segnalatore del livello di GPL posto sul tunnel centrale davanti alla leva del cambio.

STILE CLASSICO Per il resto, tutta la gamma 2009 della SUV Kia riceve lievi tocchi di belletto in un interno che mantiene un gusto classico, pur sfoggiando materiali e una qualità esecutiva non disprezzabile. Il tessuto utilizzato per i sedili e i pannelli porta è nuovo e all'apparenza robusto, mentre le modifiche fatte sul disegno dei sedili anteriori, più larghi di 20mm e dalla seduta più lunga di 40mm, li rendono più comodi da subito e più adatti alle corporature europee.

NON BOLLE Dal posto di guida si notano poi il nuovo volante a quattro razze e il disegno più moderno del quadro strumenti. Qui sparisce su tutte le versioni il segnalatore della temperatura dell'acqua, sostituito da una semplice spia in caso di anomalia. Rassicurati sul fatto che il loro motore difficilmente arriverà a "bollire" (o almeno ve lo farà notare solo a tempo debito...), gli occupanti della Sportage potranno godersi le migliorate prestazione della radio/CD o la musica preferita caricandola attraverso un lettore MP3 collegato alla presa USB di serie su tutta la gamma.

POCO A RICHIESTA La presa multimediale è solo una delle dotazioni di serie della Sportage, che non si fa mancare proprio nulla persino nella versione d'accesso Active, già farcita di tutto punto sia per quanto riguarda la sicurezza (ABS, ESP, 6 airbag), sia per il comfort. La versione full optional Active Class aggiunge, quindi, unicamente gli interni parzialmente in pelle, le gomme maggiorate, il cruise control e gli "indispensabili" battitacco Deluxe. Ansiolitici risparmiati, poi, anche nel caso degli optional a richiesta: vernice metallizzata o cambio automatico (solo per la diesel 2wd). Basta.

SILENZIO A BORDO
A ben guardare, mancherebbe l'opzione del navigatore satellitare integrato in plancia per completare il senso di maturità e comfort raggiunto da questa ultima edizione. L'abitacolo, infatti, è ampio e adeguatamente insonorizzato, mentre l'assetto e le prestazioni dei motori sono tarati per trasformare ogni trasferimento in un momento rilassante per tutti gli occupanti.

SPORT SOLO NEL NOME
Si giustifica così l'assetto decisamente tarato sul morbido, che permette di affrontare qualunque fondo stradale con tranquillità, ma limita le velleità di chi nel nome di questa Kia avesse inteso una certa predisposizione alla guida brillante. Una certa differenza si nota anche fra le versioni dotate di trazione anteriore e quelle a quattro ruote motrici, con le prime leggermente più brusche nelle reazioni, forse proprio a causa del posteriore alleggerito.

GAS NON SOPORIFERO
Per quanto riguarda i motori, il due litri bi-fuel dimostra quanto i moderni impianti a GPL siano in grado di essere efficienti, con un calo di prestazioni davvero minimo rispetto al motore a sola benzina verde e avvertibile solo quando gli si chiede di dare il massimo in ripresa con le macre alte. Situazione in cui, invece, il pari cilindrata CRDi eccelle, forte di una coppia davvero ben distribuita e di un cambio adeguatamente scalato. Notevole anche la silenziosità di questo motore.

I PREZZI
Le qualità della Kia Sportage 2009 non si rivelano solo alla guida ma anche seduti alla scrivania del concessionario. Infatti, continua la politica aggressiva della Casa coreana, che propone per tutta la gamma uno sconto di ben 3.300 € per il periodo di lancio. Così, questa piacevole SUV compatta "viene via" per una cifra che parte da 18.650 euro per la 2.0 Active a benzina e 2 ruote motrici. Per 2.000 euro in più è possibile avere la trazione integrale su tutte le versioni, mentre l'allestimento Active Class ne richiede altri 2.000. L'Ecosuv, infine, parte da 19.950 euro.


VEDI ANCHE




Pubblicato da Michele Losito, 18/09/2008
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox