Autore:
Matteo Gallucci

MAINSTREAM È lei l’auto del momento. La piccola BMW X2 imperversa tra spot radiofonici e televisivi con tanto di flash mob dedicato per il lancio commerciale che ha stupito gli ignari milanesi. Il nuovo SUV Coupé compatto sembra avere proprio tutte le carte in regola per conquistare ampi favori tra il pubblico con inedite novità stilistiche per il marchio bavarese.

ALLA MODA E COMPATTA Vero è che la nuova BMW X2 nasce dallo stesso pianale della collaudata BMW X1 ma le differenze sono ben marcate grazie a linee decisamente più sportive e giovanili. Nonostante le misure da vero SUV compatto, il famigerato “effetto wow” è garantito grazie all’inedito design che accomuna la silhouette da coupé sportiva con lo stile SUV a ruote. Il pacchetto stilistico prevede paraurti scolpiti e sportivi, terminali di scarico ben in vista, minigonne laterali, uno sguardo accigliato ancora più cattivo e la calandra a doppio rene capovolto; una prima per BMW. Inedito, o quasi, anche lo scudetto della Casa di Monaco di Baviera sul montante posteriore proprio come sulle 2000 CS e 3.0 CSL Hommage. Soluzione evocativa ma eccessiva tanto da essere erroneamente accostato al bollino Chiquita.

PICCOLA FUORI GRANDE DENTRO Le misure di BMW X2 sono di 4,36 metri in lunghezza, 1,82 in larghezza e solo 1,52 di altezza. Ingombri ridotti che la rendono una cittadina tuttofare facile da parcheggiare anche in città. Il dato che più stupisce è invece il passo lungo 2,76 metri che consente ai passeggeri in seconda fila di accomodarsi senza contorsionismi: né per entrare né per adagiare le gambe. Nonostante tutto vale sempre la regola che per trovare maggiore agio, sul divano posteriore, è meglio essere in due che in tre.

BAGAGLIAIO CAPIENTE La bavarese non si fa mancare un vano porta bagagli capiente con i suoi 470 litri dichiarati. Reclinando i sedili posteriori si arriva alla soglia dei 1.355 litri, davvero niente male per il piccolo SUV coupé. Nella versione in prova è presente l’optional d’apertura elettrica del portellone posteriore dove al suo interno troviamo un doppio fondo. La forma è squadrata e regolare ma c’è la pecca del gradino d’ingresso ingombrante che non permette un accesso facile per il caricamento bagagli.

INTERNI PREMIUM A bordo di BMW X2 in allestimento Msport troviamo un ambiente sportivo e lussuoso che rispecchia il blasone del marchio BMW. La plancia è leggermente orientata verso il guidatore e non manca lo schermo infotainment da almeno da 6,5 pollici, per tutti, che può arrivare fino a 8,8'' negli allestimenti più ricchi. Specifici i rivestimenti sulle X2 più sportive, con un mix di tessuto e Alcantara e cuciture a contrasto in alcuni punti. Davvero d’impatto quelli della versione in prova: di colore aragosta con inserti nero lucido. Non è prevista, nemmeno a pagamento, la strumentazione completamente digitale, in compenso non manca l’head up display che non distrae dalla strada e può essere regolato in altezza.

ORALE O SCRITTO? Per gestire l’infotainment possiamo utilizzare il pratico “rotellone” di controllo del sistema multimediale, situato sul tunnel centrale, su cui è anche possibile scrivere e tracciare con il dito lettere e numeri. Lo schermo della nostra BMW X2 Msport da 8,8 pollici è anche touch e gestibile pure con i comandi vocali al volante. Non manca il navigatore Connected Pro, che ci fornisce in tempo reale le strade migliori con minor traffico per le nostre destinazioni, mentre la connettività è garantita da un hotspot Wi-fi in LTE e dalla compatibilità con Apple CarPlay con la possibilità di ricarica wireless per smartphone nel bracciolo centrale.

MOTORE CORPOSO Ok l’abito e le velleità sportive con l’allestimento MSport ma la X2 è abbastanza rigida e la configurazione con cerchio da 20 pollici e spalla ribassata non è il massimo della comodità sullo sconnesso. Il Twin Power Turbo diesel da 190 cv e 400 Nm di coppia è una vecchia conoscenza e rimane una garanzia per prestazioni e consumi: 221 km/h di velocità massima e un consumo rilevato nel misto di circa 16 km con un litro di gasolio. Malgrado le sue pretese sportive siano limitate prevalentemente all'estetica, la X2 si guida in maniera intuitiva e sempre prevedibile. È bene ricordarlo, è una trazione anteriore o integrale. Il cambio automatico a 8 rapporti rende al meglio in modalità Sport utilizzando i paddles al volante. In modalità EcoPro, invece, si veleggia risparmiando carburante. La BMW X2 è anche ben assistita sul fronte sicurezza, non solo la frenata d’emergenza e il mantenitore di corsia ma anche il cruise control con funzione stop&go e il Traffic Jam Assistant, un congegno capace di autogestire in determinate condizioni la guida in colonna intervenendo su freno, acceleratore ma anche sullo sterzo fino a 60 km orari.

I PREZZI La versione in prova X2 20dMsport ha un prezzo d’attacco pari a 50.900 euro. I prezzi di BMW X2 a listino partono dai 33.500 euro per la 18i a benzina mentre per le motorizzazioni diesel il prezzo di partenza sale a 35.900 euro.


TAGS: bmw suv bmw x2 x2