Autore:
Federico Maffioli

SETTE SU SETTE A Misano Adriatico Tom Sykes si conferma il re del giro secco, siglando con il tempo di 1.33.640 il miglior crono nelle qualifiche, firmando il nuovo record della pista e staccando il biglietto per la prima casella dello schieramento di partenza in gara uno per il settimo anno di fila. Dietro di lui, staccato di soli 33 millesimi, si è piazzato Jonathan Rea, con le due Kawasaki ufficiali che sono state le uniche a scendere sotto il muro dell’1.34. Terzo miglior crono di giornata per Eugene Laverty, a chiudere la prima fila dello schieramento in sella all’Aprilia, ma in ritardo di ben 641 millesimi dal best lap di sessione. In Superpole 2, la prima Ducati si piazza in quarta posizione, ma è quella di Xavi Fores gestita dal Team Barni, autore del quarto miglior crono a 723 millesimi da Sykes. Dietro di lui si è piazzato Lorenzo Savadori, autore del quinto miglior tempo davanti alla Bmw del Team Althea di Loris Baz a chiudere la seconda fila dello schieramento con la sesta posizione. Solo settima e ottava  casella, invece, per le due Panigale ufficiali, con Chaz Davies e Marco Melandri rispettivamente settimo ed ottavo, davanti alla MV di Jordi Torres nono. Qualifiche da dimenticare anche per le due Yamaha ufficiali di van der Mark e Lowes, rispettivamente undicesimo e dodicesimo dietro alla Honda di Leon Camier decimo.

SOLO AL COMANDO Dopo aver perso la pole position per un soffio, Jonathan Rea ha chiuso in prima posizione gara uno, mettendo le ruote davanti a tutti in solitaria ed autore di una gara corsa al comando dalla prima all’ultima curva. Ancora una volta, insomma, il Campione del Mondo in carica dimostra una superiorità inarrivabile per tutti gli altri, lasciando il compagno di squadra Tom Sykes, quinto sotto la bandiera a scacchi, ad ben 6,713 secondi di ritardo.

GRANDE RIMONTA Chaz Davies chiude secondo il primo match di Misano, autore di una gara corsa tutta in rimonta e partita dalla settima casella. Per l’inglese in sella alla Panigale ufficiale non c’è stato nulla da fare, con una seconda posizione che rappresenta il miglior risultato ottenibile con un Rea così in stato di grazia. Sorte diversa per il suo compagno di squadra Marco Melandri, autore di una buona partenza, ma solo settimo sotto la bandiera a scacchi di oggi, dietro alla Ducati privata di Xavi Fores, sesto in gara uno.

GRAN GARA Dopo l’ottimo risultato di Laguna Seca, Eugene Laverty sale sul podio anche a Misano, piazzando la sua Aprilia sul terzo gradino staccato di circa un secondo dalla Ducati di Davies. Risultato sotto le aspettative, invece, per il suo compagno di squadra Lorenzo Savadori, che nella gara di casea non riesce ad andare oltre all’ottava posizione finale.

BENE, NON BENISSIMO Dopo le brutte qualifiche, Micheal van der Mark chiude quarto sotto la bandiera a scacchi, autore anche lui di una bella rimonta conclusa ai piedi del podio. Nulla da fare, invece, per l’altra metà del box Yamaha rappresentata da Alex Lowes, autore di una caduta che costringe il numero 22 al rientro anticipato in pit-lane. Dodicesima posizione finale, invece, per la terza Yamaha in pista oggi, quella di Niccolò Canepa, in pista qui come wildcar in sella alla moto di Iwata.

TOP TEN Chiudono l’elenco dei primi dieci al traguardo in gara uno Leon Camier e Leandro Mercado, rispettivamente nono e decimo sotto la bandiera a scacchi. Nulla da fare, invece, per Loris Baz, che dopo aver conquistato il quinto miglior tempo in qualifica, non riesce a chiudere nemmeno una curva a causa di una scivolata subito dopo il via.

GRIGLIA DI PARTENZA GARA DUE Qui trovate i tempi e l'ordine di arrivo in gara 1 del nono round Sbk 2018. Questo è l’ordine di partenza di domani di gara due della Superbike a Misano Adriatico: 1) Michael van der Mark; 2) Tom Sykes; 3) Xavi Fores;  4) Marco Melandri; 5) Lorenzo Savadori; 6) Leon Camier; 7) Eugene Laverty; 8) Chaz Davies; 9)Jonathan Rea; 10) Loris Baz; 11) Jordi Torres; 12) Alex Lowes; 13) Leandro Mercado; 14) Toprak Razgatlioglu; 15) Jonny Hernandez; 16) Niccolò Canepa; 17) Peter Jacobsen; 18) Roman Ramos; 19) Jake Gagne; 20) Michael Rinaldi; 20)A. Andreaozzi.


TAGS: marco melandri chaz davies eugene laverty jonathan rea tom sykes lorenzo savadori superbike misano 2018 sbk misano 2018 gara uno misano 2018 superpole misano superpole misano 2018