Sbk Francia 2018: dopo gara uno Rea è Campione del mondo
Sbk 2018

Sbk Francia 2018: Sykes in pole, ma Rea è Campione del mondo


Avatar di Federico  Maffioli , il 29/09/18

3 anni fa - Nel Sabato francese Rea vince e si laurea campione del Mondo

Sykes soffia la pole a Rea, che vince la gara e, grazie al quinto posto di Davies, mette in bacheca il quarto Mondiale consecutivo!

Benvenuto nello Speciale SUPERBIKE FRANCIA 2018, composto da 4 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SUPERBIKE FRANCIA 2018 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

MR POLE In Francia è Tom Sykes a centrare la pole position del Sabato, autore di un giro che ferma il cronometro sul tempo di 1.35.696 che gli vale anche il record assoluto della pista. Seconda posizione per Jonathan Rea, primo in classifica con quasi un secondo di vantaggio su tutti fino all’ultimo giro lanciato del compagno di squadra che gli soffia il primato nelle fasi finali di Superpole 2. Prima fila e terza posizione anche per Lorenzo Savadori, che conferma il potenziale della moto italiana sul tracciato francese. Diverso piazzamento, invece, per il compagno di squadra Eugene Laverty, che non riesce a qualificarsi nella prima sessione di qualifiche per una strategia sbagliata che gli costa la tredicesima casella dello schieramento di partenza. Inizio poco convincente anche per Chaz Davies che non riesce a fare meglio del sesto crono in ritardo di 1,258 secondi dalla pole di Sykes, a chiudere una seconda fila di partenza dietro alla Yamaha di Alex Lowes, quinto ed alla Ducati di Xavi Fores, quarto. Terza fila e settimo piazzamento per l’ottimo Michael Rinaldi, che chiude le qualifiche francesi con 45 millesimi di ritardo dalla Ducati numero sette e davanti al pilota di casa Loris Baz, ottavo, ed alla Kawasaki di Toprak Razgatlioglu nono. Qualifiche da dimenticare, infine, per Marco Melandri, autore del dodicesimo ed ultimo piazzamento in Superpole 2, in ritardo di 1,899 secondi dal best lap di giornata a causa di un errore ed uno scarso feeling con la gomma da qualifica. Peggio del previsto anche per Michael van der Mark, decimo sulla griglia di partenza di oggi e Leon Camier, che dopo aver centrato la qualifica in Superpole 1, non riesce a fare meglio dell’undicesimo tempo.

POKER DI RE Con il successo in gara uno, dominata dalla prima all’ultima curva, Jonathan Rea chiude il Sabato francese facendo scorrere i titoli di coda anche di questa stagione. Il nordirlandese conquista così il suo quarto titolo consecutivo in Superbike, sottolineando ancora una volta una superiorità schiacciante ed il suo essere il Re indiscusso e di tutti i tempi del Mondiale dedicato alle derivate dalla serie. Una vittoria che Rea festeggia alla Rossi, fermandosi a bordo pista e giocando a poker con altri tre Rea impersonati dal suo team. Un all-in che vede i record del numero 1 tendenti ormai all’infinito, con sette vittorie consecutive nelle ultime sette gare ed il Titolo con cinque gare di anticipo. C’è davvero poco da aggiungere!

DOPPIETTA Nel giorno in cui il compagno di squadra conferma il numero uno sulla carena della sua Kawasaki, Tom Sykes chiude secondo gara uno a Magny Cours, autore di una gara determinata e concreta corsa da grande protagonista. Una doppietta della verdona che porta la Casa di Akashi sul tetto del Mondo, con il Titolo costruttori ormai esposto in bacheca. Terzo posto invece per un ottimo Xavi Fores, sul podio qui in Francia, ma ancora senza una moto per la prossima Stagione.

VEDI ANCHE


GRAN RITMO Quarto posto finale per il nostro Lorenzo Savadori, che chiude il Sabato francese ai piedi del podio ed in scia alla Ducati di Xavi Fores. Un risultato che conferma il potenziale della moto ed un progresso, quello del pilota italiano, che piace e convince. Sarà proprio lui a partire dalla pole in gara due di domani. Meno bene, invece, per il suo compagno di squadra Eugene Laverty, che dopo le brutte qualifiche passa sotto la bandiera a scacchi in nona posizione ad oltre 23 secondi da Campione del Mondo 2018 e 20 da Savadori.

A SCOPPIO RITARDATO Dopo un inizio gara in difficoltà ed una seconda parte più all’attacco, nulla da fare per le due Ducati ufficiali di Chaz Davies e Marco Melandri, autori rispettivamente del quinto e del sesto piazzamento finale, che chiudono il Sabato a Magny Cours dietro alla Rossa privata del Team Barni di Xavi Fores e davanti alla Yamaha ufficiale di Michael van der Mark, l’unico dei piloti di Iwata a finire la gara (Alex Lowes è stato autore di una caduta nelle fasi iniziali). Davvero un risultato deludente per il numero sette che ormai da troppi anni è sempre a rincorrere la Kawasaki numero uno senza mai riuscire minimamente ad impensierirla! Per l’olandese invece, la rincorsa alla seconda posizione in campionato è rimandata a domani.

TOP TEN Toprak Razgatlioglu passa ottavo sotto la bandiera a scacchi, dopo essere stato protagonista ed in lotta fino alle fasi finali di gara uno. Il pilota turco chiude così il Sabato a Magny Cours lottando da vero leone e davanti all’Aprilia di Laverty ad alla Bmw del pilota di casa Loris Baz, oggi decimo sotto la bandiera a scacchi.

GRIGLIA DI PARTENZA GARA DUE Qui potrete trovare i risultati di gara uno, questo è l’ordine di partenza di domani di gara due della Superbike a Magny Cours in Francia: 1) Lorenzo Savadori; 2)Chaz Davies; 3) Marco Melandri; 4) Michael van der Mark; 5) Toprak Razgatlioglu; 6) Eugene Laverty;  7) Xavi Fores;  8) Tom Sykes; 9)Jonathan Rea; 10) Alex Lowes; 11) Michael Rinaldi; 12) Loris Baz; 13) Leon Camier; 14) Jake Gagne; 15) Jordi Torres;  16) Leandro Mercado; 17) Peter Jacobsen; 18) Roman Ramos;  19) J. Guarnoni 20) J. Smrz; 21)M. Lussiana


Pubblicato da federico maffioli, 29/09/2018
superbike francia 2018
Logo MotorBox