Autore:
Federico Maffioli

SUPERPOLE Le Kawasaki sono inarrestabili sul circuito di Donington Park, sede del sesto round del Mondiale SBK 2018. Dopo aver dominato il venerdì di libere ed essersi riconfermate nelle FP4, le due verdone ufficiali del KRT hanno fatto man bassa anche in Superpole. Ma se fino a ieri sembrava che fosse il Campione del Mondo in carica, Jonathan Rea, a dettare il passo per centrare la sua ennesima partenza dalla prima casella, all'ultimo ci ha pensato il suo compagno di squadra a rimescolare le carte in tavola. Tom Sykes, infatti, si è ripreso lo scettro di Re di Donington, centrando la 44esima prima posizione  della sua carriera con un sensazionale 1'26''663: un primato con il quale ha battuto il precedente record di Troy Corser e che gli ha permesso di entrare nella Hall of Fame di pilota con più partenze dalla pole position nella storia della Superbike. Così facendo Sykes ha dato quasi tre decimi a Rea e addirittura sette al francese Loris Baz con la BMW del team Althea, che a sorpresa chiuderà la prima fila di Gara 1. Aprirà la seconda, invece, il nostro Lorenzo Savadori, capace di precedere entrambe le Yamaha di Lowes e Van der Mark. Male le Ducati, con Davies solamente nono e Melandri addirittura fuori dalla Top 10 (dodicesimo).

MAGIC MICHAEL Dopo quasi sei anni di dominio dei piloti britannici a Donington, oggi Michael van der Mark chiude gara uno piazzando la sua Yamaha sul gradino più alto del podio. Il pilota olandese riesce finalmente a vincere la sua prima gara in Superbike, autore di una prestazione capace di contrastare le due favorite di questo fine settimana, ovvero le Kawasaki ufficiali di Jonathan Rea e Tom Sykes, oggi rispettivamente secondo e terzo al traguardo.

IN PALLA Bene, ma ai piedi del podio, anche per l’altra Yamaha ufficiale, quella di Alex Lowes, quarto al traguardo a poco più di sei secondi dal compagno di squadra e davanti all’Aprilia di Lorenzo Savadori, oggi quinto dopo una gara corsa da protagonista e chiusa con le ruote davanti al compagno di squadra Eugene Laverty, sesto sotto la bandiera a scacchi di gara uno. Per Lowes, domani, sarà tempo di rivincità, perché con la quarta posizione di oggi, l’inglese partirà dalla pole position. Settimo posto, infine per Loris Baz, che conferma la competitività vista ieri, portando la sua Bmw Althea nella top ten di giornata.

GIORNATA NO Nella giornata in cui Yamaha ed Aprilia festeggiano, Ducati chiude gara uno con un magro bottino: Chaz Davies solo ottavo al traguardo e ancora peggio per Marco Melandri, caduto a cinque giri dal termine mentre navigava nelle retrovia e tornato al box con un altro zero pesante. Insomma, in una giornata in cui van der Mark dimostra che le Kawasaki si potevano battere, il Team Ducati lascia per strada l’opportunità di recuperare un po’ di distacco da Rea e Sykes.

TOP TEN Leon Haslam in sella alla Kawasaki del team Puccetti racing chiude nono la gara del Sabato, dopo un bel duello con il compagno di squadra Toprak Razgatlioglu, caduto purtroppo durante l’ultimo giro. Chiude la top di gara uno Leon Camier, decimo in sella alla Honda ufficiale e finalmente in piena forma dopo l’infortunio.

GRIGLIA DI PARTENZA GARA DUE Qui potete vedere l’ordine di arrivo di gara uno, mentre questo è l’ordine di partenza di domani di gara due della Superbike ad Imola: 1) Alex Lowes; 2) Lorenzo Savadori; 3) Eugene Laverty; 4) Loris Baz; 5) Chaz Davies; 6) Leon Haslam; 7) Tom Sykes; 8) Jonathan Rea; 9) Michael van der mark; 10) Toprak Razgatlioglu; 11) Brayan Ray; 12) Marco Melandri; 13) Leon camier; 14) jordi Torres; 15) Michael Rinaldi; 16) L. Mossey; 17) O. Jezek; 18) Leandro Mercado; 19) Peter Jacobsen; 20) Roman Ramos; 21) Jake Gagne; 22) Xavi Fores; 23) Gino Rea; 24) Niccolo Canepa; 25) M. Law


TAGS: superbike sbk marco melandri chaz davies loris baz alex lowes jonathan rea tom sykes Michael Van Der Mark superbike 2018 sbk 2018 superbike inghilterra 2018 sbk donington 2018 superbike donington 2018 gara uno sbk donington